Notizie locali
Pubblicità

Sport

La Juve passeggia sul Genoa e va a -7 dalla zona Champions

I bianconeri giocano contro un Grifone impresentabile (zero tiri in porta) e sprecano almeno altre cinque occasioni da gol. Battibecco tra Allegri e Morata

Di Redazione

Quarta vittoria nelle ultima cinque partite per la Juventus che tra le mura amiche dell’Allianz Stadium supera 2-0 il Genoa grazie a un gol per tempo di Cuadrado, a segno direttamente da calcio d’angolo e Dybala. I bianconeri agganciano al quinto posto la Fiorentina con 27 punti, -7 dalla zona Champions League. I rossoblù, che non tirano mai in porta, restano desolatamente terz'ultimi a quota 10. Match dominato in lungo e in largo dalla squadra di Allegri, decisamente superiore all’avversario, che ha la pecca di non chiudere la partita fino al 37' della ripresa. 
I padroni di casa sbloccano quasi subito, alla prima occasione. Al 9' Cuadrado, direttamente dalla bandierina del calcio d’angolo, si inventa una traiettoria che non lascia scampo a Sirigu. I bianconeri proseguono il forcing, con Bernardeschi vicino al raddoppio: l’ex Fiorentina favorito dal buon lavoro di Morata, si inserisce in area sulla destra e scarica in porta, con Sirigu che respinge. 
Poco dopo il 33 avrebbe un altro pallone per il suo primo gol in questo campionato, ma ci mette troppa potenza e lo manda alto. Cuadrado poi mette i panni dell’assist-man e la mette sulla testa di De Ligt, che sbatte però su Sirigu sia al 32' che cinque minuti più tardi, su invito stavolta di un Bernardeschi nel vivo. Altra enorme chance al 45', con Morata liberato a tu per tu con Sirigu da Dybala e fermato di nuovo dal portiere ospite. 

Pubblicità

In avvio di ripresa grande occasione per Dybala che al limite dell’area si sistema il pallone con la suola e poi cerca di piazzare il sinistro all’incrocio dei pali. Quasi una punizione in movimento, che esce di pochissimo sfiorando l’incrocio. Al 9' ancora i padroni di casa vicino al gol: Morata ruba palla sulla sinistra, si accentra, entra in area e calcia in porta da posizione ravvicinata. Ancora una risposta decisiva di Sirigu, con la mano aperta. Al quarto d’ora gran palla filtrante di Locatelli per Kulusevski, che scatta sulla destra, rientra sul sinistro e cerca il primo palo, strozzando troppo la conclusione. 
Al 17' elegante giocata di Bernardeschi che da sinistra sterza col tacco tagliando fuori Portanova e accentrandosi, poi nuovo dribbling sul ritorno di Portanova e tiro in porta, deviato in corner. Poco dopo Morata sfonda a sinistra, guadagna la linea di fondo e scucchiaia dall’altra parte, dove arriva in corsa Cuadrado che scarica verso la porta, trovando l’opposizione di Cambiaso. Al 21' la Juve ruba palla a metacampo a Galdames e riparte con un tre contro due: palla a Dybala, solo davanti al portiere, e Sirigu che respinge il sinistro della Joya salvando ancora i suoi. 
La Juve domina ma deve aspettare il 37' per trovare il raddoppio con Dybala. Sinistro magico in diagonale dopo un bellissimo controllo in corsa sulla palla appoggiatagli da Bernardeschi che manda i titoli di coda sul match. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA