Notizie locali
Pubblicità

Sport

Malagò 'sport in crisi senza soluzione su lavoro sportivo'

'Senza continuità politica tema rischia di diventare secondario'

Di Redazione

ROMA, 12 SET - "Il tema è di strettissima attualità viste le problematiche che affliggono il nostro mondo. Se non si trova una soluzione per il tema del lavoro sportivo, lo sport va in crisi". Ne ha parlato Giovanni Malagò, presidente del Coni, durante l'evento "Stati Generali mondo lavoro dello sport" in corso di svolgimento allo stadio Olimpico. "Non si possono fare le cose a pezzi - la denuncia di Malagò - Prendiamo come esempio questa ultima legislatura. Siamo partiti con un governo, che non ha potuto esercitare la delega sullo sport perché è caduto. Quella delega l'ha presa un signore che ha detto chiaramente di non conoscere il mondo dello sport e ha trasformato quella delega in tutt'altra cosa, facendo 6 decreti che qualcuno ironicamente ha chiamato 'decretini'. Tutto questo in pieno Covid". L'analisi del numero uno del Coni prosegue: "Va via quel governo e ne arriva un altro. Ma nel frattempo ecco la guerra e il caro bollette. Questa è la realtà dei fatti, così è impossibile che si centri veramente l'obiettivo. Se non c'è una continuità politica e amministrativa, in questo Paese il tema del lavoro rischia di diventare secondario".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA