Notizie locali
Pubblicità

Sport

Mercato Catania, asse con il Bari

Il club rossazzurro è alla vigilia del raduno: ecco le principali operazioni in ballo per rinforzare la rosa di Baldini 

Di Giovanni Finocchiaro

Ipotesi in ballo tantissime, ma serve come sempre pazienza. E serve anche il momento giusto per chiudere un affare. Il Catania, tra difficoltà e orgoglio per aver conservato la storia, tra consensi e critiche (come sempre la città è divisa in due correnti di pensiero) affronta la fase del mercato con determinazione. Servono sei elementi per completare l'organico, ovvero due giocatori forti per reparto. I portieri sono un discorso a parte, anche se l'unica novità riguarda proprio i numeri uno, con l'arrivo di Stancampiano, e poi c'è stato il mancato accordo di Martinez col Foggia.

Pubblicità

Si è comunque creato una sorta di filo diretto privilegiato con il Bari, visto che il Catania segue diversi calciatori transitati o di proprietà del club pugliese. Ma Eugenio D'Ursi, ex Catanzaro, potrebbe approdare al Catania solo se il Bari decidesse di riprenderlo dal Napoli – club al quale è stato restituito per fine prestito – valorizzandolo ancora una volta per puntare sul suo talento. Ma è un discorso complicato, non è detto che il Catania non chieda lumi direttamente al club campano. Qualcuno lo può impedire?

Quanto a Piscopo dell'Empoli, lo scorso anno a Carrara, anche in questo caso discorsi molto aperti, ma non di soluzione immediata. Il mercato delle punte, si sa, richieste valutazioni, trattative, confronti che allungano ogni percorso. I rossazzurri sono anche su Michele Vano, già seguito l'anno passato. 

A centrocampo continuano i discorsi con lo svincolato Marco Moscati, ex Perugia. Un giocatore che Baldini conosce bene che ha vorrebbe di nuovo allenare. Resterà Dall'Oglio nonostante le richieste del Modena? Si vedrà, intanto il Catania continua i sondaggi di mercato alla ricerca di nomi da aggiungere alla rosa che tra cinque giorni comincerà il ritiro in sede. Luigi Silvestri è ricorrente in questo periodo e da due stagioni. L'Avellino potrebbe cederlo, ma per ora tutti giocano a fare i preziosi. Il Catania ascolta, pondera e offre. Poco, ma offre qualcosa. Il budget, si sa, è limitato, ma nonostante abbia pochi margini di manovra, il direttore Pellegrino sta cercando più soluzioni per dotare la rosa di un gruppo più competitivo rispetto alla stagione passata.

Ci saranno, ovviamente, le cessioni da portare a termine. Giosa, Pino, Gatto, Sales, Reginaldo, forse Dall'Oglio. E i fine contratto? Manneh è ormai lontano dall'orbita etnea, Martinez dopo che a Foggia hanno preso un altro giocatore, potrebbe anche rinnovare. Con Izco sono in corso colloqui per stabilire che l'argentino giocherà un altro anno oppure se resterà nell'ambito dirigenziale.
Del ritiro parleremo nelle prossime ore, visto che dal 18 tutti i tesserati contrattualizzati verranno chiamati al Village per i controlli di sicurezza che esige la Lega. Poi cominceranno le visite mediche, i test e finalmente i primi allenamenti della stagione che verrà. 
Il club diffonderà una lista di convocati, includendo dei giovani pescati dalla Primavera 3 e dall’Under 17, ma conta di ottenerne un paio di Atalanta e Roma con cui ha stretto accordi di collaborazione in questo senso. Prima del ritiro o nelle ore immediatamente successive, la Sigi convocherà una conferenza stampa per spiegare alcuni passaggi di vita societaria e trattative varie. 

Le date. Visite mediche sabato 17 e lunedì 19 luglio per i calciatori del Catania convocati in vista della preparazione estiva. Il ritiro pre-campionato, che per l’undicesima stagione consecutiva si terrà a Torre del Grifo, avrà inizio martedì 20 luglio con il raduno e si concluderà dopo il primo turno eliminatorio della Coppa Italia Serie C 2021/22. "L'allenatore Francesco Baldini predisporrà il calendario degli allenamenti dopo i test atletici e funzionali propedeutici allo svolgimento dell’attività", conclude la nota. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA