Notizie locali
Pubblicità

Sport

Mondiali atletica: dt La Torre, Jacobs deve pensare a Parigi

Mei: Marcell ha avuto coraggio, condivido scelta

Di Redazione

ROMA, 17 LUG - "Jacobs ha dimostrato un coraggio notevole. Ha voluto fortemente provare a onorare l'impegno, ci ha provato fino all'ultimo momento. Questa per me è una grande dimostrazione di serietà e attaccamento alla maglia azzurra". Dopo il forfait ai Mondiali di Eugene, l'atletica azzurra si stringe attorno a Marcell Jacobs e ne difende la scelta. "La vita di un atleta - il commento di Stefano Mei, presidente della Fidal, a proposito del campione olimpico dei 100 - Il presidente federale Stefano Mei commenta così la notizia del forfeit di Marcell Jacobs, a poche ore dall'annuncio. "La vita di un atleta - ancora le parole di Mei - è fatta di momenti positivi ed altri negativi. Ed anche un piccolo problema può impedire il rendimento di una macchina così sofisticata come il corpo di un atleta. È fin troppo ovvio che mi dispiaccia, il fatto di non rivedere Jacobs in pista. Ma condivido certamente la scelta di non rischiare, per evitare di compromettere definitivamente la stagione". "Sapevamo in che condizioni erano i nostri due alfieri - il commento del dt azzurro, Antonio La Torre - e a loro va il nostro ringraziamento per essersi messi comunque in gioco. Ma aver tutelato l'integrità di Marcell è importante, perché la nostra destinazione finale sono i Giochi di Parigi". Ora si pone, per i tecnici, la questione della staffetta 4x100, campionessa olimpica in carica "Troveremo una soluzione, lo dobbiamo al nostro ruolo di campioni olimpici ed anche a Marcell stesso - ha aggiunto La Torre, senza fornire elementi sulla composizione del quartetto - Stiamo studiando alchimie diverse, e dobbiamo comunque batterci con le forze che abbiamo a disposizione. Tutti moltiplicheranno le proprie forze".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA