Notizie locali
Pubblicità

Sport

Destino del Catania appeso a un filo: Sigi lancia l'azionariato popolare per iscriversi alla C

A dieci giorni dalla scadenza dei termini imposti dalla Figc, non ci sono i soldi: destino del club molto incerto

Di Giovanni Finocchiaro

L'ultimo appello dopo colloqui e trattative cadute nel vuoto. A dieci giorni esatti dalla scadenza dell'iscrizione in Serie C, la Sigi esce allo scoperto. Non ci sono soldi necessari per rispettare le richieste della Lega.

Pubblicità

Gli investitori che avevano promesso aiuti si sono fatti da parte. Ieri mattina, dunque, l'avvocato Giovanni Ferraù, pur continuando i discorsi con un paio di società estere, da presidente della Sigi ha diffuso un comunicato che ha allarmato la città intera. Ma che è soprattutto una richiesta disperata di aiuto per non cancellare la storia del Catania.

Ecco il testo della lettera: «Sono ancora in corso alcune interlocuzioni con investitori stranieri per rilanciare la nostra squadra del cuore ma soltanto Catania, in questa fase, può sostenere il Calcio Catania.
Amore, passione, dedizione e profondi sentimenti rossazzurri appartengono anzitutto ai catanesi. La storia del club deve continuare. Oggi più che mai, dipenderà da tutti noi, nessuno escluso. Pertanto invitiamo tutte le persone che nutrono un sincero affetto per il Calcio Catania ad effettuare un versamento, libero nella misura, destinato a garantire alla società la forza necessaria in tempi brevissimi. Qualora la somma corrisposta non fosse utilizzata, Sport Investment Group Italia provvederà al rimborso integrale della stessa».

L'iban è: IT67C0312416900000000015547, intestato a: Sport Investment Group Italia S.p.A. - BANCA DEL FUCINO con la causale: Versamento caparra sottoscrizione nuove azioni sociali.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA