Notizie locali
Pubblicità

Sport

Per salvare il Catania i tifosi hanno raccolto 100 mila euro in tre giorni

Ma per tenere in vita la matricola 11700 serve di più: la svolta da Malta dove è stato preannunciato un investimento da 500 mila euro?

Di Giovanni Tomasello

Siamo ormai vicini al momento chiave sperando che ci sia una mossa finale a sorpresa così come accadde l’anno scorso. Tutti o quasi stanno facendo la loro parte ma al primo posto ci sono sicuramente i tanti tifosi che non hanno esitato a compiere quel sacrificio che comunque andrà a finire li farà entrare nella storia. 

Pubblicità

Anche il sindaco Salvo Pogliese in questi ultimi giorni si è giocato le ultime carte sensibilizzando chi potrebbe dare l’aiuto decisivo, ma il contributo da elargire non è roba di poco conto. Non resta che aspettare sfogliando la margherita, l’iscrizione al campionato è un passaggio obbligato e decisivo per il futuro del club rossazzurro che subito dopo avrà bisogno di altri sostegni economici ma ci sarà un po’ di tempo. Quello che sta invece per scadere ora: iscriversi al campionato significa pure salvare la tanta amata matricola 11700 altrimenti accadrà quello che Catania e i suoi tifosi non meritano.

ULTIMO APPELLO ALL’IMPRENDITORIA.  In queste ore aggrappati come siamo alla speranza che si ribalti una situazione da tempo compromessa, lanciamo un nuovo appello alle forze imprenditori locali e non solo perché una rinuncia al campionato sarebbe l’ennesimo duro colpo per una città che continua a ingoiare bocconi sempre più amari.

Un Catania società modello rimasto otto anni di fila in Serie A con quel fiore all’occhiello chiamato Torre del Grifo, un centro sportivo faraonico tra i migliori in ambito europeo e che ora potrebbe cadere nell’oblio e ancora più inquietante e drammatica la perdita dei posti di lavoro.

Qualcosa di buona per fortuna sembra muoversi e dopo l’invio di una email si aspetta da un momento all’altro un bonifico di 500mila euro da investitori maltesi. Sarà vero? Speriamo tanto di sì.

Ieri nel frattempo la raccolta dei fondi “Uniti per Catania” organizzata dalla Sigi e aggiornata alle ore 13 del 24 giugno ha raggiunto quota euro 101127 con un totale di 897 bonifici effetuati. Al riguardo però sempre ieri c’è stato l’intervento del Collegio sindacale della Sigi che ha bocciato l’iniziativa per alcuni vizi e procedure non rispettate. 

UNA SCENA TOCCANTE AI BOTTEGHINI. Continua la sottoscrizione promossa dalla Curva Nord e ieri si è presentato un signore di 87 anni che ha voluto dare il suo contributo. «Da almeno una settimana non uscivo da casa ma oggi (ieri per chi legge ndr) ho voluto fare una vera eccezione sfidando il caldo per venire qui a offrire il mio contributo al Catania che sento dentro di me». Parole che non possono lasciare indifferenti e fanno venire la pelle d’oca.

Chiudiamo con l’appello della Curva Nord che nella tarda sera di oggi renderà nota noto la cifra raccolta. «Forse non servirà a nulla. Forse sarà tutto vano. Ma pensate, solo per un attimo, se dovessimo farcela. - dicono i fedelissimi con i nostri soldi il Catania venisse iscritto al campionato». 

«Se questo avvenisse - prosegue la Curva Nord - sarà stato per merito nostro. L’estremo gesto di attaccamento di una tifoseria ai propri colori. La manifestazione più pura dell’amore e della passione verso i colori della propria città. E non state a sentirli quelli per cui i problemi sono sempre altri, le questioni per cui muoversi altre. Quelli che non sono mai soddisfatti di niente e puntano sempre il dito contro tutto e tutti. Possiamo salvare la matricola. Almeno per quello che possiamo fare noi: iscrivere la squadra al campionato. Poi per il resto saranno altri a dover garantire il futuro del Catania e ad assumersi la responsabilità se non riusciranno a garantirlo; quello che potevamo fare noi, sarà stato fatto». 

Non avremo rimorsi. Questo è il nostro obiettivo. Questa è la pagina del libro della storia del Catania che possiamo scrivere - conclude la Nord - sarà stato vano, noi potremo comunque andare avanti a testa alta. Via aspettiamo ai botteghini di piazza Spedini». I versamenti oggi potranno essere effettuati oggi dalle 9 alle 12,30 e dalle 16.30 alle 20. L’importante in questo momento è restare unita e fare tutti i tentativi possibili per restare a galla. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: