Notizie locali
Pubblicità

Sport

Ross Pelligra accolto come un re a Solarino: «Qui per rimettere radici»

Il patron del Catania è tornato nel paese in cui sono nati i suoi genitori: festa grande e incontri con il sindaco e il cugino consigliere comunale

Di Manuel Bisceglie 

“U sangu miu è sampalisi”. Il più grosso applauso Ross Pelligra lo ha riscosso in aula consiliare proprio quando è stato invitato a pronunciare queste poche parole in siciliano dopo essersi presentato, al fianco del sindaco Peppe Germano, per il saluto di Solarino ad un figlio di questa terra (anche se il neo patron del Calcio Catania è  nato in Australia, ma papà e nonno nacquero nel centro ibleo), la cui cittadinanza onoraria verrà conferita fra qualche settimana: «Ross tornerà a Solarino a metà luglio con tutta la famiglia– ha annunciato il primo cittadino – e in quella occasione faremo la cerimonia ufficiale come è giusto che sia».

Pubblicità

 

 

Ieri in aula consiliare gremita c’erano anche tutti i parenti ad accogliere Ross (“chiamatemi però Rosario, io mi chiamo così…”), coloro i quali lo avevano visto per l’ultima volta quattro anni fa in una delle tante visite dell’imprenditore australiano durante l’estate: «Prima passava inosservato, veniva spesso, oggi non più». A mister Pelligra, infatti, è stata riservata un’accoglienza coi fiocchi, con tanto di gadget, libri sulla storia di Solarino (e anche il personale albero genealogico), una torta speciale e foto ricordo con l’intera comunità, compresi i membri dell’Academy Sporting San Paolo, società calcistica locale del presidente Seby De Simone, che ha anche donato una maglia al neo patron del Calcio Catania. Consegnati anche due palloni, autografati, uno dei quali rimarrà custodito proprio nella stanza del sindaco quale prezioso cimelio per una giornata da incorniciare. 

Prima della festa in Comune, Ross Pelligra era salito a bordo dell’auto comunale insieme col sindaco Germano, per visitare alcuni luoghi storici di Solarino: i due si sono anche fermati di fronte la casa natia del nonno Rosario, in compagnia del cugino e attuale consigliere comunale appena eletto: “Una grande emozione – ha detto rivolgendosi al pubblico in inglese – qui per rimettere di nuovo radici e dare un contributo importante allo sviluppo del paese”. Se lo è augurato anche lo stesso Germano, il quale ha presentato pure un piano di interventi prioritari per il miglioramento della qualità della vita del centro siracusano.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: