Notizie locali
Pubblicità

Sport

Sarri: "Sono rammaricato, ma il Torino si è rinforzato"

Tecnico Lazio:"Sfida che avevo previsto".Juric: "C'è positività"

Di Redazione

TORINO, 20 AGO - "Andiamo a casa con un po' di rammarico, le statistiche mi dicono che il conteggio delle palle-gol è di 6-1 per noi". E' l'analisi di Maurizio Sarri dopo il pareggio sul campo del Torino. "E' stata la partita che avevamo previsto - continua il tecnico della Lazio - e ci dispiace non essere riusciti a concretizzare: sono contento per il risultato, anche se devo dire che il Toro si è rinforzato rispetto alla scorsa stagione". Ai suoi è mancato il gol. "Abbiamo cercato troppo la profondità, loro nei duelli fisici dietro erano più forti di noi, i nostri esterni dovevano giocare di più alle spalle di Immobile anche se in fase difensiva hanno fatto bene", la spiegazione dell'allenatore dopo una partita senza grandi emozioni. Nel complesso, Ivan Juric è soddisfatto: "Abbiamo giocato una buona partita, anzi per 60' ci siamo comportati molto bene - l'analisi del tecnico croato - Poi, la Lazio ha preso un po' di coraggio: loro comunque hanno fatto poco, noi potevamo essere più incisivi in zona offensiva". In difesa, invece, si è esaltato Buongiorno: "E' un ragazzo molto serio, nella passata stagione è stato un po' penalizzato ma, quando gioca, fa sempre il suo - dice l'allenatore, parlando del canterano - e sono soddisfatto: è un ragazzo di Torino, è un cuore Toro, ha fatto un'ora alla grande e poi è andato in leggera sofferenza". Intanto, la sua squadra è a 4 punti in due partite: "Abbiamo vissuto un periodo difficile e di tensione, ma percepisco grande positività e abbiamo entusiasmo e voglia di lavorare al meglio - conclude Juric - anche se in attacco serve ancora qualcosa: le altre squadre hanno tante alternative, mentre a noi manca". Infine, su Lukic: "Mi sono piaciuti Ricci e Linetty a Monza, volevo dare continuità a quel gruppo, poi Sasa è entrato e ha fatto bene", il commento sul centrocampista.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: