Notizie locali
Pubblicità

Sport

Segna col Milan Daniel Maldini: per la prima volta in gol nonno, padre e nipote

Contro lo Spezia finisce 2 a 1: ha messo a segno la rete del primo vantaggio

Di Redazione

Il Milan fatica ma batte lo Spezia e si porta momentaneamente in testa. Una vittoria nel segno di Maldini jr e Brahim Diaz, che siglano le due reti che rendono vano il temporaneo pareggio dei liguri. I gol arrivano tutti nella ripresa: il figlio d’arte, all’esordio da titolare in Serie A con la maglia rossonera, al 3' sotto gli occhi del padre Paolo segna il momentaneo vantaggio del Diavolo, con un pregevole colpo di testa; lo spagnolo, gettato nella mischia da Pioli subito dopo il pari dello Spezia siglato da Verde al 35', trova al 41' il guizzo da tre punti, dimostrando ancora una volta come sia imprescindibile per questo Milan. Il Milan di Pioli si presenta in Liguria con ben sei cambi rispetto alla partita col Venezia, con Rebic, Maldini e Saelemaekers a condurre le danze dietro a Giroud, ma come contro i lagunari i rossoneri nel primo tempo faticano, perché nonostante il predominio nel possesso palla le occasioni latitano. Merito anche dello Spezia disegnato da Thiago Motta, che chiude bene i varchi, presidia con attenzione le vie laterali, e quando può punge in contropiede. Così, per la squadra di Pioli le conclusioni verso la porta di Zoet arrivano solo su calcio piazzato, con una punizione al 27' di Hernandez che sfiora l'incrocio dei pali, e con un tiro timido di Saelemaekers al 34', sugli sviluppi di un corner, che si perde a lato. Un primo tempo sottotono che il Milan avrebbe potuto finire anche in svantaggio, se al 44' lo Spezia non avesse pasticciato, rovinando quasi davanti a Maignan un contropiede in superiorità numerica. Non è il solito Milan, nonostante le buone intenzioni, e lo capisce anche Pioli, che tiene negli spogliatoi gli spenti Rebic e Giroud, e fa entrare Pellegri e Leao. È proprio il portoghese a spaccare la partita con le sue accelerazioni e a dare il via all’azione che dopo tre minuti porta il Milan in vantaggio: Leao allarga per Kalulu, e sul cross del francese si avventa Daniel Maldini, che di testa buca Zoet, facendo esultare il tribuna anche il padre Paolo. La rete regala fiducia ai rossoneri, che sfiorano in due occasioni il raddoppio con Leao: al 12' centra il palo con una conclusione dal limite, al 16' si vede deviare in angolo la conclusione da Bourabia. Lo Spezia, uscito male dai blocchi nella ripresa, dopo aver sciupato malamente l’occasione del pari con Maggiore, anche grazie ai cambi di Thiago Motta ha il merito di rimanere in partita e, sugli sviluppi dell’ennesima ripartenza, centra il pari: Verde recupera un cross lungo di Bastoni, si accentra e scaglia un mancino che, deviato da Tonali, si infila alle spalle dell’incolpevole Maignan. Il pari però dura poco, perché Pioli dalla panchina ancora una volta sceglie la carta giusta. Al 37' entra Brahim Diaz, che ci mette quattro minuti per siglare il gol da tre punti: Saelemaekers si incunea in area e, tra tre avversari, fa filtrare il cross che lo spagnolo converte in gol da pochi passi. Una rete pesantissima, che consente alla squadra di Pioli di rilanciare le proprie aspirazioni di vetta e di guardare con fiducia alla sfida di Champions contro l’Atletico Madrid. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA