Notizie locali
Pubblicità

Sport

Sfuma il sogno olimpico di Rachele Bruni nella 10 chilometri in acque libere

L’azzurra, argento olimpico a Rio de Janeiro e bronzo mondiale ed europeo in carica,  è arrivata soltanto quattordicesima nella gara dominata dalla brasiliana Ana Marcela Cunha

Di Redazione

Sfuma il sogno olimpico di Rachele Bruni nella 10 chilometri in acque libere di Tokyo 2020. Nella notte italiana, l’azzurra è arrivata soltanto quattordicesima nella gara che ha visto assoluta protagonista la brasiliana Ana Marcela Cunha, seguita dall’olandese van Sharon Rouwendaal e dall’australiana Kareena Lee. Nella acque dell’Odaiba Marine Park, la fondista azzurra è uscita delusa e in lacrime: «Ho sofferto subito, ho cercato di restare nel primo gruppo, ma quando hanno fatto lo strappo finale non ce l’ho fatta. Non era atteso questo risultato, provo rabbia, mi dispiace veramente tanto. Ero tranquilla - ha spiegato Bruni ai microfoni della Rai - ma ho accusato la gara veloce fin da subito, ho cercato di stare nel gruppo in fondo per non consumare energie ma ne ho consumate tante, troppe». La campionessa olimpica Cunha, ha invece festeggiato il successo ai Giochi facendo "outing" anche se nel suo sport era cosa già nota:

Pubblicità

«Questa medaglia d’oro è per il mio paese, e per la mia fidanzata». Immediata la risposta, via social, della "namorada" Maria Clara Fontoura, detta Kaka, esperta di marketing sportivo: «Amore! Sei la campionessa!». 

Restando in acqua, nella canoa sprint Manfredi Rizza ha ottenuto la qualificazione alle semifinali del K1 200 metri. L'azzurro ha vinto la sua batteria con il tempo di 34''867. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA