Notizie locali
Pubblicità

Sport

Sofia Goggia torna a vincere la discesa di Cortina d'Ampezzo: è 17/o successo della carriera

La campionessa ha commesso due gravi errori ma è riuscita comunque sempre a rimanere velocissima ed a recuperare pur su un tracciato così corto

Di Redazione

Una strepitosa Sofia Goggia dopo il successo del 2018 è tornata a vincere la discesa di cdm di Cortina d’Ampezzo sulla classica pista Olympia delle Tofane con il tempo di 1.06.98. Il tutto, con trenta secondi di gara in meno del consueto, su un tracciato accorciato con partenza ribassata al rifugio Duca d’Aosta per vento in quota. Sofia - 17/a vittoria in carriera e quinta stagionale con un successo anche in superG - ha commesso due gravi errori ma è riuscita comunque sempre a rimanere velocissima ed a recuperare pur su un tracciato così corto. Sul podio con lei l’austriaca Ramona Siebenhofer in 1.07.18 e la ceca Ester Ledecka in 1.07.24. Per L’Italia ci sono poi - ex aequo in 1.08.08 - Elena Curtoni e Nadia Delago in 14/a posizione . Segue al 17/o posto una arrabbiatissima Federica Brignone, vittima a sua una volta di un erroraccio che l’ha praticamente fermata, che ha chiuso in 1.08.16. Poi ci sono Nadia Delago in 1.08.22 e più indietro Francesca Marsaglia in 1.09.00 e Marta Bassino in 1.09.84 Domani a Cortina tocca al superG: ancora una grande occasione per Sofia Goggia e le azzurre. 

Pubblicità

 «E' stato incredibile vincere dopo tutto quello che ho combinato oggi. Un sogno. Ho preso una forte raffica di vento e mi sono "aperta". Non vedevo dove mettevo gli sci», per la neve sollevata dalle raffiche. Sofia Goggia è entusiasta del successo nella discesa libera di Cortina. La campionessa azzurra era comunque talmente veloce da finire lunga in una curva a sinistra poco prima del primo intermedio. Sofia Goggia ha dovuto addirittura mettersi di traverso per restare nel tracciato e- sempre comunque velocissima- il cronometro le ha dato ragione con 31 centesimi di vantaggio. Un’altra sbandata più avanti le è costata undici centesimi lasciandola tuttavia sempre al comando di venti al secondo intermedio che è riuscita a portare sino in fondo, sino all’ennesima vittoria in cui è diventata la seconda azzurra più vincente di sempre con 17 successi: uno più di debora compagnoni ed uno meno di Federica Brignone.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: