Notizie locali
Pubblicità

Sport

Sport: Nepi, la pratica sia un diritto uguale per tutti

Dg S, 'l'importante che UE dia sostegno con un piano integrato

Di Redazione

PRAGA, 22 SET - "La pratica sportiva non è, e non deve, rappresentare una conquista personale, o un obiettivo individuale, ma un diritto uguale per tutti". Lo ha ribadito il direttore generale di Sport e Salute Diego Nepi Molineris nel suo intervento alla Conferenza internazionale sugli impianti sportivi sostenibili e accessibili che si sta svolgendo a Praga. Il tutto nel quadro delle attività relative alla Presidenza Ceca del Consiglio dell'Unione europea e in vista del lancio della "Settimana Europea dello Sport-BeActive". Nel panel sulla "Parità di accesso agli impianti sportivi", Nepi ha illustrato le attività della società nell'ambito del progetto "Sport di Tutti". "Non è soltanto un'azione intensa di propagazione del diritto alla pratica sportiva, ma un messaggio forte che vuole richiamare alla collaborazione di ognuno nella creazione di un 'pianeta sport' senza barriere o confini geografici - spiega Nepi -. Quel 'Tutti' ha un significato profondo per Sport e Salute e non si riferisce solo alla promozione dello sport nella complessità del territorio italiano, ma all'integrata internazionalizzazione e al concreto e costante sostegno collaborativo tra i Paesi dell'Unione Europea". Il dg di Sport e Salute ha spiegato poi come 'Sport di Tutti' abbia previsto un programma integrato di interventi pari a 527 milioni di euro per il biennio 2022-24, dei quali 510 milioni per il progetto 'Sport e Periferie' e i relativi interventi di recupero e riqualificazione degli impianti sportivi nelle periferie: 7 milioni per 'Sport nei Parchi' e 10 milioni per "Inclusione e Quartieri". "E' solo e soltanto con un reale lavoro di squadra ed in totale sinergia con tutti gli organismi sportivi che si può davvero fare la differenza. È importante che l'Ue dia sostegno al 'pianeta sport' attraverso lo sviluppo di un piano integrato che comprenda obiettivi, misure, sostegno finanziario, monitoraggio, rendicontazione e condivisione delle best practices", ha concluso il dg di Sport e Salute.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: