Notizie locali
Pubblicità

Sport

Super Osimhen regala al Napoli un pareggio insperato a Leicester, ma che alla fine sta anche stretto

Con i padroni di casa in vantaggio per 2-0 a 20 dalla fine sembrava un risultato irraggiungibile

Di Redazione

Il Napoli ringrazia super Osimhen che con una doppietta regala alla sua squadra in Europa League un pareggio che, con il Leicester in vantaggio per 2-0 a venti minuti dalla fine sembrava ormai un risultato irraggiungibile.  Eppure alla squadra di Spalletti rimangono tanti rimpianti perché sono proprio gli azzurri a dominare in lungo e in largo per tutta la gara, raccogliendo alla fine molto di meno di quanto avrebbero meritato. 

Pubblicità

La differenza tra il Leicester e il Napoli sta tutta nella capacità di concretizzare le occasioni da gol. Gli inglesi si procurano tre possibilità in tutta la partita e ne concretizzano due, mentre il Napoli crea una quindicina di nette opportunità e le spreca in buona parte. 

La sorpresa arriva dall’allenatore del Leicester che cambia ben cinque pedine rispetto alla squadra sconfitta in casa in campionato nel fine settimana scorsa dal Manchester City. Rimangono in panchina non solo Vardy, ma anche Tielemans e Maddison. Tra gli azzurri è presente Insigne del tutto recuperato dopo l'infortunio al ginocchio subito nella partita contro la Juventus. Il Napoli va in svantaggio molto presto, dopo soli 8', quando da un passaggio sbagliato di Koulibaly, parte il contropiede del Leicester. Barnes s'invola sulla sinistra e fa partire un traversone che finisce dalla parte opposta dove irrompe Perez e devia in rete il pallone con un tiro al volo. 

La reazione della squadra di Spalletti è veemente, anche perché sono proprio gli azzurri a impadronirsi del dominio del gioco in mezzo al campo. Il problema dei partenopei è che non riescono a concretizzare il gran numero di occasioni da gol che vengono create a ripetizione per tutto il primo tempo. Sbagliano Malcuit, Zielinski, Insigne, Osimhen, Lozano e Ruiz, con gli inglesi che si salvano o per gli interventi decisivi di Schmeichel o per l’imprecisione dei giocatori del Napoli. 

Nella ripresa i tentativi dei partenopei di raddrizzare il risultato cominciano subito. Il Leicester si difende e tenta di sfruttare le poche incursioni offensive. Gli inglesi ci riescono al 13' con Daka che segna, ma il Var rileva una posizione di fuorigioco. Al 19', però, arriva il raddoppio con Barnes che conclude da sinistra con un rasoterra in diagonale. 

Quando tutto sembra perduto per il Napoli, c'è una nuova reazione degli uomini di Spalletti che al 24' porta Osimhen con un pallonetto a dimezzare lo svantaggio. Con una serie di cambi l'allenatore del Napoli mette in campo più freschezza per lo sprint finale. 

 Il coraggio del tecnico viene premiato al 42' quando Politano con un traversone mette Osimhen in condizione di colpire di testa e mandare in rete il pallone del pareggio. 

Al Napoli non basta il risultato raggiunto e nei minuti di recupero si riversa nell’area del Leicester alla ricerca del gol della vittoria che sfiora con un colpo di testa di Rrahmani. Finisce con il pareggio. Il Napoli guadagna un punto se si pensa a come si erano messe le cose in campo, ma i rimpianti sono molti e rimane la sensazione di un’occasione sprecata. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA