Notizie locali
Pubblicità

Sport

Torna il Giro di Sicilia, al via anche Nibali, Froome e Valverde

Quattro tappe per poco più di 700 chilometri complessivi, si parte il 28 settembre

Di Redazione

Il Giro di Sicilia torna nel calendario del ciclismo e lo fa in grande stile. Dopo lo stop nel 2020 per l'emergenza coronavirus, la storica corsa dell’Isola, ripartita nel 2019 dopo quarantadue anni di assenza, grazie all’accordo tra la Regione Siciliana e RCS Sport, presenta un’edizione di altissimo livello con quattro tappe di medio-alta difficoltà e, soprattutto, la presenza di tre corridori di altissimo livello come Vincenzo Nibali, Chris Froome e Alejandro Valverde, ciclisti di esperienza internazionale e dal palmares straordinario, con dodici grandi giri (Tour de France, Giro d’Italia e Vuelta) in tre. A partire da martedì 28 settembre e fino a venerdì 1 ottobre, queste le date della manifestazione, si cercherà il nome del successore dell’americano Brandon McNulty, l’ultimo vincitore della corsa due anni fa. Nella cornice di Palazzo d’Orleans a Palermo, quest’oggi è stato presentato in tutti i suoi dettagli il percorso del Giro di Sicilia 2021, a meno ormai di due settimane dal via.

Pubblicità

Venti le formazioni al via, ciascuna composta da 7 corridori (cinque UCI World Team, 8 UCI ProTeams e 7 UCI Continental Teams): Israel Start Up Nation, Movistar, DSM, Trek - Segafredo, UAE Team Emirates, Androni Giocattoli - Sidermec, Bardiani CSF Faizanè, Caja Rural - Seguros RGA, Eolo - Kometa, Euskaltel - Euskadi, Gazprom - Rusvelo, Rally Cycling, Vini Zabù, Amore e Vita, D’Amico UM Tools, Giotti Victoria Savini Due, MG.K Vis VPM, Team Colpak Ballan, Work Service - Marchiol - Dynatek, Zalf Euromobil - Fior.

Verranno toccate quasi tutte le province dell’Isola e le frazioni si prospettano assolutamente probanti per i corridori che si presenteranno ai nastri di partenza, tra tappe più pianeggianti e altre dall’altimetria non indifferente. La prima frazione va da Avola a Licata ed è di 179 km, la seconda tappa da Selinunte a Mondello di 173 km, la terza tappa da Termini Imerese a Caronia di 180 km e la quarta e ultima tappa da Sant'Agata di Militello a Mascali di 180 km. Settecentododici km in tutto per una corsa tra le più antiche e gloriose d’Italia. La prima edizione si corse infatti nel 1907, prima ancora della nascita del Giro d’Italia, che peraltro nel 2022 tornerà a passare dalla Sicilia. Nel 1974 vinse Roger De Vlaeminck, nel 1977 Giuseppe Saronni, a testimonianza dell’alto livello che ha sempre proposto l’evento siculo. A presentare il Giro di Sicilia 2021 il governatore Nello Musumeci: "E' il ciclismo di qualità, un messaggio di promozione della migliore Sicilia, di quella che spesso sfugge agli itinerari turistici. Con il ritorno del Giro di Sicilia abbiamo voluto creare quel clima di entusiasmo, quella manifestazione concreta di rivincita e riscossa affinchè la pandemia sia un lontano ricordo" ha spiegato il presidente della Regione, che poi ha parlato della situazione delle strade siciliane.

"Non dipendono dalla Regione, ma dallo stato e dalle province - Interveniamo quando possibile e togliendo denaro ad altre cose abbiamo riqualificato le strade del percorso particolarmente ammalorato. Lo sport di qualità richiede sacrifici e noi abbiamo il dovere di offrire alla Sicilia sport ed eventi di alta qualità. Saranno le forze dell’ordine ad occuparsi di far rispettare le norme sul distanziamento - ha concluso Musumeci -. Siamo in zona gialla, possiamo agire con la necessaria prudenza ma senza particolari restrizioni".

Presente anche l’amministratore delegato di RCS Sport, Paolo Bellino, che ha voluto ricordare l'alto livello dei partecipanti in questa edizione: "Abbiamo quest’anno tre atleti che insieme hanno vinto dodici Grand Tour, campioni che nobiliteranno questa competizione. Tra tutti credo sia doveroso partire da Vincenzo Nibali, anche per ragioni affettive. Lui viene qui per provare a vincere, sempre con grande attaccamento al territorio - ha aggiunto - Ci sarà Chris Froome, uno degli uomini che ha vinto più Tour de France e tutti i grandi giri, e poi ci sarà anche Alejandro Valverde”.

ECCO LE QUATTRO TAPPE

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA