Notizie locali
Pubblicità

Sport

Tuffi: Cagnotto,la mia nuova vita tra Federazione e famiglia

La bolzanina scherza anche sulla terza generazione di campioni

Di Redazione

BOLZANO, 09 LUG - Tania Cagnotto lascia le Fiamme Gialle dopo quasi vent'anni di una carriera sportiva straordinaria. Una delle più grandi tuffatrici europee di tutti i tempi, e campionessa simbolo del Gruppo Sportivo della Guardia di Finanza,, ha presentato la sua richiesta di congedo al Comandante del Centro Sportivo, gen. Flavio Aniello, presso la sede di Castelporziano, poche ore prima di ricevere il riconoscimento per la sua eccezionale carriera dal comitato del "XXVI Premio Internazionale Fair Play Menarini". "Già da un po' ho finito il mio capitolo da atleta, poter allenare era un po' complicato e così ho fatto questa scelta dopo quasi 20 anni. Le Fiamme Gialle mi hanno cresciuto e sono state una famiglia per me", racconta la bolzanina, madre di due bimbe. "Per il momento - spiega la 37enne 'figlia d'arte'- sono mamma a tempo pieno, ma ho iniziato una collaborazione con la federazione, che aumenterà pian piano sempre di più. Finché le bimbe sono piccole ho dato una certa disponibilità che poi aumenterà. La Federazione farà parte del mio mondo anche in futuro". "A Maya piace tanto saltare, fare le capriole e tuffarsi. Ha appena 4 anni ed è troppo presto per dire qualcosa, vedremo. Ai miei genitori viene male pensando a una terza generazione di Cagnotto agonisti", scherza. "Rifarei tutto, anche perché anche le cose che non sono andate bene mi ha insegnato tanto, anche perdere insegna. Le batoste fanno bene, poi ci sono le gioie che ovviamente rifarei", confessa Tania.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: