Notizie locali
Pubblicità

Sport

Un brutto Messina crolla con il Monterosi

Secco 3-1 in terra laziale nello scontro salvezza. Difesa ballerina, poche idee e scarsa incisività

Di Manuel Pernice

Una brutta battuta d'arresto. Il Messina stecca la partita della verità e sprofonda contro il Monterosi. Una sconfitta che brucia, non solo perchè arriva in uno scontro diretto. Ma perchè tra i peloritani sono riemersi vecchi difetti. Squadra senza cattiveria e soliti svarioni difensivi. Il gol del vantaggio di Ekuban è frutto del doppio errore di Celic e Lewandowski. Anche la seconda rete di Costantino parte da un regalo di Camilleri. Il tris di tacco dell'attaccante del Monterosi manda definitivamente ko i peloritani. A nulla serve il gol nel finale di Marginean. Per raggiungere la salvezza serve molto di più.

Pubblicità

Il Monterosi parte forte. E Al 9' Ekuban brucia in velocità Celic e conclude, Lewandowski si fa beffare sul proprio palo. Il Messina é frastornato. E al 12' i padroni di casa "flirtano" con il raddoppio. Ma il solito Ekuban da ottima posizione non impatta la sfera. Tre minuti dopo i peloritani bussano in area avversaria. Fofana sguscia ma conclude sull'esterno della rete. Al 29' Piovaccari insacca con un pallonetto. Ma il gioco era fermo per offside. Il Messina prova a prendere in mano il pallino. Ma la manovra lenta fa il "solletico" alla difesa avversaria. E al 43' il Monterosi raddoppia. Camilleri regala il pallone a un avversario che "imbuca" per Costantino. L'attaccante si invola verso la porta e trafigge Lewandowski.

 

 

Nella ripresa il Messina si sbilancia offrendo il contropiede al Monterosi. Al 58' Ekuban cerca la doppietta, ma Lewandowski respinge. Raciti inserisce Marginean e Statella per Fofana e Russo. Al 69' i biancoscudati hanno l'occasione per riaprire il match. Ma Celic a due passi dalla porta conclude sugli spalti. Al 73' il Monterosi cala il tris: cross di Verde e colpo di tacco di Costantino che trafigge il portiere. Al tramonto del match Marginean trova il gol della bandiera che non cambia la storia del match.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: