Notizie locali
Pubblicità
[type=TEXT, value=]

Sport

Stephen Curry , mai nessuno come lui: 2.974 canestri da tre

Il playmaker dei Warriors segna a New York la tripla del record ed entra nella leggenda

Di Redazione
Pubblicità

Che fosse il miglior tiratore da tre punti di tutti i tempi in Nba già lo si sapeva, ma ora Stephen Curry l’ha scritto sui libri di storia, superando il record di triple che apparteneva a Ray Allen dalla stagione 2013/2014. Un "momento bellissimo» lo ha definito il playmaker dei Golden State Warriors, osannato da un Madison Square Garden dove la sconfitta della squadra di casa è quasi passata in secondo piano di fronte a questo nuovo primato. 
 Servivano soltanto due tiri dalla lunga distanza per superare quota 2.973, proprio quello che è successo nei primi cinque minuti della gara persa dai Knicks per 96-105. Dopo la prima tripla il pubblico del 'The World’s Most Famous Arenà si è alzato in piedi, per poi esultare alla seconda. Curry intanto festeggiava insieme ai suoi compagni di squadra e i Warriors chiamavano un timeout utile anche ai fotografi per immortalare lo storico momento. Il due volte Most valuable player ha quindi abbracciato l’allenatore, Steve Kerr, e suo padre, Dell, ex Nba. "E' una serata molto, molto speciale, in una sala così...non saprei esprimere quanto sono onorato». Il 33enne originario dell’Ohio ha chiuso la gara di New York a quota 22 punti, tirando con 5/14 dalla lunga distanza. 
 Il primato sembrava a portata di mano già nella sfida casalinga contro Portland di mercoledì scorso, ma Curry l’ha agguantato nella sua 789esima partita in carriera. Allen lo aveva realizzato in 1300 presenze. «E' stato molto emozionante perché so quanto lavoro è stato fatto, sognavo in grande dal momento in cui ho preso in mano il pallone», ha sottolineato il playmaker dei Warriors. Prima che ad Allen, il record apparteneva a Reggie Miller, con 2.560 triple. Entrambi erano a bordo campo, dove hanno donato a 'Steph' la canotta numero 2.974. Non è mancato un divertente siparietto, con l’occhio vigile del grande regista Spike Lee, super fan dei Knicks, che ha catturato l’attimo con la fotocamera del suo smartphone. 
 La reazione di tutta la Nba non è tardata. «Wow complimenti fratello!! Incredibile», ha scritto su Twitter LeBron James, superstar dei Los Angeles Lakers. Curry e i Warriors hanno vinto tre titoli Nba nel 2015, 2017 e 2018 proprio contro i Cleveland Cavaliers allora guidata da James. Magic Johnson, ex Lakers, si è congratulato con Curry per «aver fatto la storia». 
 Alto 'appenà un metro e 88 cm per 84 kg, Steph rende meno extraterrestre la pallacanestro made in Nba. Nei suoi 13 anni di carriera ha rivoluzionato il gioco, rendendo quasi normale segnare da molto lontano, un’opzione prima riservata a pochi specialisti. Oggi in tanti vogliono «fare il Curry», ma solo uno ci riesce davvero. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità