Notizie locali

Archivio

Morgan: "Bugo avrebbe venduto la madre per emergere"

Di Redazione

"Avevo detto più volte a Bugo che stavo subendo mobbing da parte dei suoi, e che Soave (il produttore di Bugo, ndr) doveva andarsene, ma lui mi rispondeva 'che cazz... dici, divertiamoci!", dice Morgan, che ritiene che Soave "sia la causa di questa frattura". Poi, durante la serata delle cover, "quando ho visto che è iniziato il pezzo e Bugo si è fiondato sul proscenio e ha iniziato a cantare come un matto, facendo tutto quello che non doveva fare, lì si sono rivelati, a quel punto la cosa era certa, dichiarata", spiega. "La loro bella idea era quella di dire a Bugo 'quando siamo in diretta mettiti in mostra e offusca Morgan", affonda Morgan.

Pubblicità

"Non ho litigato, non è vero che ho insultato la moglie, io ho giocato ieri sera, mi sono divertito e ho combattuto con l'arma della parola. Lui non lo sapeva, non sapeva che avrei cambiato il testo, perché ho voluto fare una cosa per fargli capire che mi aveva molto offeso. Chi la fa l'aspetti". Morgan spiega così il motivo per il quale ha deciso, senza che Bugo sapesse nulla, di modificare all'ultimo le parole della canzone che portava in gara insieme all'amico, decisione che è costata ad entrambi la squalifica dalla competizione.

L'ex Bluvertigo giura che non sapeva che questa decisione avrebbe causato l'espulsione dalla gara. "Non sapevo che non si potesse cambiare il testo - dice - volevo cambiarlo, non mi piaceva quello originale, non ho mai capito bene di cosa parlasse, sinceramente. A me non stava bene la canzone così, ma ho detto 'inghiottiamo anche questo'...non era mia, ma ho continuato a incassare". Ma una volta sul palco, durante la serata delle cover, per Morgan Bugo "ha stuprato la canzone di Endrigo", perché "Bugo sfigura ogni volta che apre bocca", e lui ha voluto così rendergli 'pan per focaccia' il giorno dopo. E non è tutto: "Lui deve ringraziare me perché l'ho portato qua, ma io ringrazio lui perché se n'è andato", aggiunge Morgan.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: