Notizie locali

Archivio

Coronavirus: Ilo, 'persi 250 milioni posti di lavoro nel mondo'

Di Redazione

Ginevra, 25 gen. (Adnkronos/Ats) - La pandemia di coronavirus è costata nel 2020 più di 250 milioni impieghi a livello mondiale e la disoccupazione è aumentata di 1,1 punti percentuali al 6,5%. Lo ha indicato l'Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo). Le ore lavorative sono scese dell'8,8%: l'impatto del Covid-19 è stato "massiccio" e "molto preoccupante", ha detto in una conferenza stampa a Ginevra il direttore generale dell'Ilo Guy Ryder. Il tasso di occupazione è ora solo al 58% e l'8,3% dei redditi di lavoro - calcolato prima di prendere in considerazione le misure di sostegno - è andato perso. Si parla di 3.700 miliardi di dollari, pari al 4,5% del prodotto interno lordo (Pil) mondiale.

Pubblicità

Come già osservato nelle valutazioni precedenti, le donne sono state interessate più degli uomini. La perdita di posti di lavoro ha colpito il 5% della manodopera femminile, contro il 4% di quella maschile. Un'altra indicazione è che i giovani sono stati duramente colpiti: all'8,7%, contro il 3,7% dei lavoratori maturi. L'Ilo teme che i settori industriali e i lavoratori più colpiti dall'epidemia non potranno beneficiare della ripresa, andando ad allargare ulteriormente il fossato fra ricchi e poveri.

Per il momento, secondo l'organismo internazionale, è impossibile dire quando si tornerà agli organici che sussistevano prima della pandemia. Sarebbe piuttosto pericoloso avanzare stime, considerate le incertezze, ha affermato Ryder. L'Ilo invita comunque i paesi a perseguire politiche economiche concilianti, attraverso stimoli fiscali, sostegno al reddito, facilitazione degli investimenti nonché assistenza alle industrie e ai lavoratori più colpiti.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: