Notizie locali

Archivio

Covid: Codogno un anno dopo - volontaria Croce Rossa, 'non dimentico sguardi di chi chiedeva aiuto'

Di Redazione

Milano, 19 feb. (Adnkronos) - "Gli occhi parlano e io non dimenticherò mai gli sguardi di chi chiedeva aiuto". Laura Grazioli, 26 anni, è una delle volontarie della Croce Rossa di Codogno, la città diventata simbolo della prima ondata del coronavirus. Un passato da giovane scout, a 14 anni inizia a fare volontariato e da quando ne ha 23 guida anche l'ambulanza. Studia medicina, i suoi professori hanno curato quello che l'Italia conosce erroneamente con il nome di paziente 1, ha la freddezza di chi sa tenere a bada le emozioni ma le assorbe tutte.

Pubblicità

"Il soccorritore - spiega in un'intervista all'Adnkronos - ha il privilegio di entrare in casa delle persone. Loro ti aspettano sapendo che puoi dare una mano. Con il Covid mi ha colpito lo sguardo dei parenti, ci leggevo la paura. Quando tutto è iniziato, ci guardavano non più solo come chi va in aiuto, ma anche come chi sta portando via qualcosa di prezioso, col rischio di sottrarlo per sempre". In zona rossa era cambiato anche il ritmo degli interventi. "Prima in un turno di notte il telefono suonava al massimo tre volte per un incidente stradale o un malore, nelle prime settimane invece non c'era il tempo di lasciare un paziente in ospedale che già un altro aspetta il trasporto". Chiuso l'ospedale di Codogno, i tragitti erano sempre più lunghi verso Cremona, Pavia o Milano. Viaggi che il paziente affrontava solo e che per alcuni potevano non avere ritorno.

"Non poter salire in ambulanza, non poter seguire il proprio caro in ospedale, sapere di non poterlo andare a trovare è la cosa che più ha inciso umanamente. Il nostro è un lavoro di urgenza, siamo abituati ad agire 'in fretta', ma in quei momenti abbiamo sempre concesso tempo, consapevoli della necessità di dare la giusta durata per il distacco", spiega la volontaria. Di tempo per le lacrime Laura non ne ha avuto, neanche quando è risultata positiva la madre, infermiera a Codogno, o quando ad aprile ha assistito a un parto in casa: un segno di rinascita per il piccolo comune. "La freddezza sugli eventi è importante, bisogna concentrarsi sulle cose da fare. È anche fondamentale essere attenti, empatici, umani e ricordarsi che i pazienti sono sempre i cari di qualcun altro. Dal punto di vista sanitario siamo preparati, ma dal punto di vista umano non lo si è mai fino in fondo. C'è chi con il virus ha preferito non prestare più servizio, a me questa idea non è mai passata per l'anticamera del cervello".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: