Notizie locali

Archivio

G7: Draghi, salute bene globale, regole condivise e principi trasparenti (2)

Di Redazione

(Adnkronos) - L'Italia ha espresso grande sostegno all'Act-Accelerator, ovvero al meccanismo all'interno delle Nazioni Unite per l'accelerazione della campagna vaccinale, e sta lavorando ad un nuovo contributo economico. In qualità di Presidenza del G20, l'Italia sta anche valutando la proposta avanzata mercoledì dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Antònio Guterres per istituire una 'Task Force di emergenza G20' volta a sviluppare un Piano vaccinale globale. La salute sarà al centro dell'impegno internazionale italiano, come dimostra il prossimo 'Global Health Summit' di Roma: un momento decisivo per la definizione di una strategia comune mondiale contro la pandemia.

Pubblicità

Quanto fatto finora da tutti i Paesi, ovvero mitigare le conseguenze immediate della crisi sociale con politiche espansive, deve essere integrato con un'efficace campagna vaccinale, necessaria per stabilizzare il trend sanitario ed evitare ulteriori mutazioni del virus. Per l'Italia l'accesso equo, universale e di massa ai vaccini è un imperativo non negoziabile: la salute è un bene comune globale, un principio ispiratore anche dell'agenda della Presidenza italiana G20. Mai come oggi, esercitare leadership significa essere solidali.

Trasformare la crisi in opportunità significa concentrare gli sforzi su una ricostruzione che, a livello globale, sia capace di prendersi cura del Pianeta ed intervenire laddove la faglia della diseguaglianza è più accentuata. L'attenzione alla sfida del climate change è un punto fermo cui è necessario rispondere in maniera decisa. A questo proposito, la COP 26 sul cambiamento climatico - che l'Italia organizza in partnership con il Regno Unito - e la COP 15, sulla biodiversità, saranno appuntamenti cruciali per testare la comune capacità di risposta.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: