Notizie locali

Archivio

Calcio: Agnelli, 'crisi grava sui club, se si cambia ci può essere futuro luminoso'

Di Redazione

Roma, 8 mar. - (Adnkronos) - "Non abbiamo ancora i tifosi, i giocatori sono spinti oltre i loro limiti fisici visto che sono costretti a giocare in un calendario molto congestionato. Le perdite sono state tra i 6,5 miliardi e gli 8,5 miliardi nelle due stagioni, circa 360 club di prima divisione hanno bisogno di soldi per una somma di circa 6 miliardi, i top 20 club per quanto riguarda il reddito hanno fronteggiato una perdita di 1.1 miliardi nella stagione 2019/20. Questa crisi grava sulle spalle di tutti i club". Lo dice il presidente dell'Eca Andrea Agnelli nel suo intervento durante la 25esima assemblea dell'European Club Association, svolta in videoconferenza.

Pubblicità

"Negli ultimi mesi si è palesato un interesse da alcuni grandi soggetti a livello finanziario sul calcio, basta pensare a cosa sta tuttora succedendo in Italia con la trattativa con i fondi -aggiunge il numero uno della Juventus-. Ma penso anche a tante altre situazioni, a partire dalle fughe di notizie sull'interesse di JP Morgan nella Superlega. Questi soggetti non sono interessati alla solidarietà, ma nei ritorni dagli investimenti. Se cambiamo, possiamo guardare a questi investimenti. Calcio, economia e politica sono al bivio. Dobbiamo intercettare queste possibilità e agire, altrimenti rischiamo di implodere. C'è del potenziale per un futuro luminoso. È nostro dovere quello di intercettare un cambiamento, altrimenti il rischio è quello di implodere".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: