Notizie locali
Pubblicità

Tech

Help Family, un'app salva la vita agitando il telefono

Il creatore dell’app è l'amministratore di un'azienda ravennese, Gianni Assenza, il quale, ha avuto l’idea ascoltando le storie più diverse nel suo negozio di telefonia

Di Redazione

Inviare una richiesta di aiuto ai propri familiari o amici agitando il telefono. E’ quanto consente di fare l’app Help Family lanciata da un imprenditore ravennate per «salvare la vita» alle persone in pericolo: dalle donne vittime di violenza a chi subisce un’aggressione per strada, fino alle persone che cadono in casa o hanno un malore. Sviluppata pensando «alle esigenze sociali attuali», l’app "vuole aiutare concretamente le persone, offrendo anche l'utilizzo gratuito alle affiliate o affiliati ad associazioni sociali contro la violenza sulle donne, violenza di genere, associazioni di persone disabili ed enti che tutelano persone in pericolo», spiega il creatore dell’app e amministratore dell’azienda ravennate Absence, Gianni Assenza, il quale, ha avuto l’idea ascoltando le storie più diverse nel suo negozio di telefonia: «ci sono la ragazza o il ragazzo che tornano sempre a casa da soli, l’amico che lavora di notte, la persona preoccupata perché la figlia è sempre in bicicletta o quella preoccupata per il padre anziano che va a fare delle scampagnate in collina». Una volta scaricata, l’app Help Family si attiva in caso di pericolo e ha diverse funzioni. C'è quella contro la violenza sulle donne, contro le aggressioni su qualsiasi persona, che si chiama 'shakè e permette di inviare una richiesta di aiuto agitando il telefono tre o più volte. In questo modo, le persone care inserite nell’app riceveranno immediatamente la notifica con la richiesta di aiuto, insieme alla posizione della persona. Tra le altre funzioni, si va dalla caduta al malore fino all’incidente in auto. In pratcia, sia a casa che fuori, l’app riconosce gli eventi potenzialmente dannosi e invia una segnalazione ai contatti indicati. Se invece il telefono subisce semplicemente una caduta accidentale, si ha il tempo di bloccare l'invio dell’alert (entro 15-90 secondi impostabili). 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: