Notizie locali
Pubblicità

Tech

Maximulta dell'Antitrust ad Amazon ed Apple, ma i due big annunciano ricorso

Di Redazione

Maxisanzione per complessivi 200 milioni di euro dal Garante Concorrenza e Mercato ad Amazon e Apple al termine dell’istruttoria su restrizioni ad accesso nel marketplace Amazon.it da parte di rivenditori legittimi di prodotti a marchio Apple e  Beats «genuini». I due big annunciano ricorso. Amazon parla di 
"sanzione ingiustificata e sproporzionata", Apple assicura di non aver fatto "nulla di sbagliato".

Pubblicità

L’autorità ha intimato di porre fine a restrizioni, permettendo l’accesso ai rivenditori di prodotti Apple e Beats «genuini» in modo non discriminatorio.  L’Antitrust indica come «fondamentale che l'applicazione delle regole di concorrenza assicurino un level playing field per tutti i rivenditori che utilizzano i marketplace come luogo sempre più rilevante per lo svolgimento della propria attività commerciale, soprattutto nel contesto odierno, evitando la realizzazione di condotte discriminatorie che restringono la concorrenza».

L'Autorità ha quindi irrogato una sanzione di 68,7 milioni di euro alle società del gruppo Amazon e una sanzione di 134,5 milioni di euro alle società del gruppo Apple.

«Respingiamo - scrive però Amazon - le considerazioni dell’Antitrust secondo cui Amazon tragga vantaggio dall’esclusione dei partner di vendita dallo store, poiché il nostro modello di business si basa sul loro successo. Grazie all’accordo con Apple, i clienti italiani possono trovare gli ultimi prodotti Apple e Beats sul nostro store, beneficiando di un catalogo più che raddoppiato, con offerte migliori e spedizioni più veloci».


Annunciando ricorso, anche Apple dice ndi non aver fatto nulla i sbagliato:  «Per garantire la sicurezza dei nostri clienti e l’integrità dei prodotti che acquistano .- è scritto in una nota - è importante che i clienti sappiano che stanno acquistando  prodotti originali» e per questo «lavoriamo a stretto contatto  con i nostri partner rivenditori e abbiamo team dedicati di  esperti in tutto il mondo che collaborano con le forze  dell’ordine, le dogane e i distributori per garantire - rimarca  - che vengano venduti solo prodotti Apple originali».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: