Notizie Locali


SEZIONI
Catania 26°

Femminicidi

Uccisa a Selinunte, rigettata richiesta di incidente probatorio

L’avvocato Barraco aveva chiesto la perizia psichiatrica sul suo assistito per verificare se, al momento di commettere il delitto, Ernesto Favara era capace di intendere e di volere

Di Redazione |

Il gip del Tribunale di Marsala Sara Quittino ha rigettato la richiesta di incidente probatorio presentata da Margherita Barraco, legale di Ernesto Favara, l’ex pescatore che, il 24 dicembre scorso, ha ucciso con 14 coltellate la moglie Maria Amatuzzo a Marinella di Selinunte. L’avvocato Barraco aveva chiesto la perizia psichiatrica sul suo assistito per verificare se, al momento di commettere il delitto, Favara era capace di intendere e di volere. Il gip ha rigettato la richiesta ritenendo la richiesta "prima ancora che infondata, del tutto inammissibile». Favara, in sede di interrogatorio davanti al gip dopo alcuni giorni dall’arresto, ha risposto alle domande del giudice. L’avvocato Vito Cimiotta, difensore del padre della vittima, ha già anticipato che, come parte civile, si avvarranno di un proprio consulente.

«Dal punto di vista della misura cautelare bisogna comprendere, sempre a mezzo esame peritale, se la condizione psico-fisica del Favara è conciliabile con il regime carcerario o se tale stato di fatto può determinare nella persona dello stesso un acuirsi di quadri patologici tale che potrebbero sfociare in atteggiamenti aggressivi e autolesionisti». E’ questo uno dei passaggi della richiesta di incidente probatorio presentata dall’avvocato Margherita Barraco. Il legale aveva chiesto una perizia psichiatrica per «conoscere i fattori esterni e interni che hanno determinato e dato vita al fatto incontestabile nel suo verificarsi», scrive nell’istanza. Attualmente Favara viene trasferito, durante la settimana, in strutture sanitarie al di fuori del carcere per sottoporsi a dialisi, «senza che ciò risulti aver in qualche modo pregiudicato il suo stato di salute», scrive il gip nell’ordinanza di rigetto. La richiesta, nello specifico in ordine a un’ipotizzata incompatibilità del regime carcerario con le condizioni di salute del Favara, è stata ritenuta «prima ancora che infondata, del tutto inammissibile», scrive il gip.   COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: