Notizie Locali


SEZIONI
Catania 35°

agenzia

Cortei: Conte, ‘Meloni non sia ambigua e vigliacca e dica se è contro Mattarella’

Di Redazione |

Roma, 1 mar. “Non voglio interpretare il pensiero di Giorgia Meloni se era diretto o meno al Presidente della Repubblica, sicuramente è stata un’espressione molto ambigua, ma dovrà chiarire. Se ce l’aveva con il Presidente della Repubblica? Lo dica chiaramente, se ha il coraggio”. Oppure “lo neghi, perchè se in questo momento stanno interpretando così le sue parole ha il dovere di intervenire e dire non ce l’ho con il Presidente della Repubblica. Se lascia tutto nell’ambiguità credo che sia anche vigliacco da parte del presidente del Consiglio”. Lo ha affermato il presidente del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte, rispondendo ai giornalisti a Chieti.

“Se fosse un attacco al Presidente della Repubblica -ha aggiunto l’ex premier- sarebbe gravissimo, perché il Presidente della Repubblica, garante dell’unità, ha parlato in modo impeccabile e sono parole risolutive. Non si può pensare di vivere in un contesto democratico senza consentire ai giovani di poter manifestare a volto scoperto, in modo assolutamente lecito quella che è la loro preoccupazione, la loro angoscia, se del caso anche la rabbia per quello che sta succedendo a Gaza. Ci mancherebbe, stanno manifestando in tutto il mondo e questo principio costituzionale lo dobbiamo garantire a tutti:ragazzi, giovani, donne, bambini”.

“Noi -ha poi aggiunto Conte- non siamo contro la Polizia, perché non è questo il tema, noi siamo con la Polizia sempre, fermo restando che se ci sono degli episodi in cui ci sono le azioni eccessive bisogna accertare chi ha la responsabilità e agire di conseguenza. Giorgia Meloni sta con la Polizia sempre? Quando c’è stata la manifestazione che era compostissima da parte delle famiglie alluvionate in occasione della passerella in Emilia Romagna di Meloni con accanto la Von der Leyen, c’è il viceministro Bignami, è andato lì, ha dato degli incompetenti, si è scagliato contro le forze di Polizia perchè dovevano far tacere e reprimere i dissenso”.

“Ma allora -ha concluso l’ex premier- si è con le forze di Polizia a giorni alterni, a seconda se il dissenso sia contro Giorgia Meloni e il Governo, peraltro un dissenso composto, e se si manifesta con Gaza non va bene?”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: