Notizie Locali


SEZIONI
Catania 33°

agenzia

In Tunisia giornalisti chiedono liberazione del collega El Heni

Protesta del sindacato: 'Violata la libertà di stampa'

Di Redazione |

ROMA, 01 GEN – Le autorità giudiziarie tunisine hanno emesso un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti del giornalista ed editorialista radiofonico Zied El Heni, arrestato già lo scorso 28 dicembre in seguito ai commenti rilasciati alla radio privata Ifm in cui aveva criticato la ministra del Commercio. Lo ha annunciato in una nota il Sindacato nazionale dei giornalisti tunisini (Snjt) chiedendo l’immediata liberazione del collega, che dovrà comparire davanti ai giudici il prossimo 10 gennaio. Secondo il Sindacato, El Heni sarebbe accusato di aver violato l’art. 86 del Codice delle telecomunicazioni, che punisce con una pena da uno a due anni “chiunque offenda deliberatamente gli altri o arrechi danno alla reputazione altrui attraverso reti pubbliche di comunicazione”. Il Sindacato chiama dunque a raccolta i colleghi individuando nel comportamento dei giudici che perseguono i giornalisti “un disperato tentativo di mettere a tacere una voce critica”. Sempre secondo la stessa fonte l’arresto del giornalista El Heni, al di fuori della legge prevista sulla stampa, è una violazione del diritto alla libertà di espressione, di stampa e di pubblicazione, delle norme del procedimento penale e una violazione dei doveri degli organi giudiziari ai sensi dell’articolo 55 della Costituzione tunisina sulla protezione e garanzia”. Lo Snjt chiede dunque “l’immediato rilascio di Ek Heni e invita i giudici a smettere di perseguitarlo e punirlo per tutte le sue idee”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: