Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

agenzia

Morta per tiramisù non vegano, chiesto processo per i produttori

L'accusa è di omicidio colposo. La 20enne era allergica al latte

Di Redazione |

MILANO, 29 MAR – Il Procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano e il pm Luca Gaglio hanno chiesto il rinvio a giudizio per Giuseppe Loiero e per la madre Giovanna Anoia, il primo legale rappresentante e la seconda responsabile delle linee produttive della Glg srl, azienda produttrice del “Tiramisun” con marchio Mascherpa, accusati di concorso in omicidio colposo per la morte dalla 20enne Anna Bellisario. La giovane era deceduta il 5 febbraio dello scorso anno, dopo aver mangiato quel dolce, venduto dall’azienda come vegano, il 26 gennaio e dopo dieci giorni di coma, per choc anafilattico provocato da tracce di latte, a cui era fortemente allergica. A carico dei due responsabili dell’azienda, lo scorso 15 gennaio, è stata emessa dal gip Fiammetta Modica una misura di interdizione dall’attività imprenditoriale per un anno e poi a fine gennaio è arrivata la chiusura delle indagini. In realtà, come scritto dai pm, quel dolce conteneva “mascarpone”. Alla Glg, come emerso dagli atti, si “preparavano i prodotti vegani e non vegani nello stesso ambiente, in contemporanea e sullo stesso tavolo”, si confondeva nella produzione di dolci l’uso di “preparati di origine animale”, come il mascarpone, e di “ingredienti di origine vegetale”. E chi lavorava nel laboratorio non aveva una “formazione adeguata”, tanto che un dipendente aveva seguito solo un “corso di carattere generale” di “quattro ore sulla normativa vigente in tema di igiene degli alimenti”. I due responsabili della Glg, interrogati dal gip, si erano avvalsi della facoltà di non rispondere, ma avevano depositato una memoria dicendosi “addolorati”. Se nell’etichetta del prodotto almeno si fosse parlato di “tracce di lattosio o suoi derivati”, ha scritto il gip, la giovane “non avrebbe ordinato e consumato il dolce”, perché era sempre molto attenta. Sulla richiesta di processo dovrà esprimersi un gup, ma gli indagati potrebbero anche scegliere di patteggiare. Era stata chiesta dai pm, invece, l’archiviazione per altre posizioni iscritte nell’inchiesta, tra cui il titolare del fast food dove la ragazza aveva cenato quella sera col fidanzato.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: