Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

agenzia

Scontri in Sudan, almeno 56 morti

Di Redazione |

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha intanto condannato fermamente lo scoppio dei combattimenti, rivolgendo “l’invito ai leader delle Forze di supporto rapido e delle Forze armate sudanesi a cessare immediatamente le ostilità, ripristinare la calma e avviare un dialogo per risolvere l’attuale crisi”, ha dichiarato Stephane Dujarric, il portavoce, in una dichiarazione. Guterres ha invitato gli Stati membri delle Nazioni Unite nella regione a sostenere gli sforzi per ristabilire l’ordine e tornare sulla via della transizione in Sudan, ha aggiunto.

Guterres, riferisce ancora il portavoce, ha parlato con il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi e il presidente della Commissione dell’Unione africana Moussa Faki Mahamat su come ridurre l’escalation la situazione. Guterres ha parlato con il comandante della Rsf Mohamed Hamdan Dagalo. Guterres continuerà i suoi sforzi, anche parlando con il comandante delle forze armate sudanesi Abdel Fattah al-Burhan, il prima possibile, ha affermato il portavoce.

“Alla vigilia della riunione G7 in Giappone in cui ho chiesto di dare priorità all’Africa, gli scontri in Sudan minacciano civili e mettono in discussione la democrazia. Invitiamo i leader militari sudanesi ad interrompere le ostilità per riprendere il dialogo politico”. A scriverlo è il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, su Twitter.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: