Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

agenzia

Ucraina: Radicali, ‘Meloni revochi tutte onorificenze concesse a uomini Putin’

Di Redazione |

Roma, 2 nov. – “Dopo la telefonata fake alla premier fatta il 18 settembre e resa pubblica solo ieri, oggi è la volta della portavoce del ministro degli Esteri, Maria Zacharova, che non ha di meglio da fare che impartire a Giorgia Meloni una lezione sui fascisti italiani di cent’anni fa mentre potrebbe parlarci del regime fascista di cui è portavoce. Il modo migliore che ha Giorgia Meloni per rispondere ai ridicoli attacchi dei megafoni del Cremlino è uno solo: revocare finalmente ‘per indegnità’ le 23 onorificenze della Repubblica Italiana che dal 2014 sono state assegnate dai governi precedenti (eccetto Draghi) a 18 membri della nomenklatura russa, fra cui il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, e l’attuale ambasciatore russo in Italia, Aleksej Paramonov”. Così Massimiliano Iervolino, Igor Boni e Giulio Manfredi, rispettivamente segretario, presidente e giunta Radicali italiani.

“L’anno scorso – ricordano – il governo Draghi aveva già fatto revocare dal Presidente Mattarella altre 14 onorificenze. Il 4 ottobre scorso abbiamo consegnato nelle mani del capo di gabinetto del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio sia l’elenco delle onorificenze ancora da revocare sia una petizione ad hoc per la revoca del l’onorificenza più vergognosa, quella a Dmitry Peskov. Premier Meloni, se non ora quando?”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: