Notizie locali
Pubblicità

Viaggi&Turismo

Da Catania a Livorno e Genova con un traghetto a "zero emissioni"

E' entrata in servizio la "Eco Catania" della Grimaldi, la nave traghetto che può imbarcare fino a 520 camion: è completamente elettrica

Di Redazione

Zero inquinamento nei porti. E' l'obiettivo della Grimaldi group che ha inaugurato il nuovo traghetto ro-ro «Eco Catania» che sarà impegnato sulla rotta che collega il capoluogo etneo a Livorno e Genova per il trasporto pesante su gomma.

Pubblicità

Madrina del taglio inaugurale del nastro con lancio della 'bottiglià è stata Letizia Santonocito, moglie del sindaco Salvo Pogliese. «E' una nave di quinta generazione - ha detto Eugenio Grimaldi, executive manager della compagnia di navigazione - ne abbiamo ordinate dodici. Sono tutte "gemelle": quattro saranno impiegate in Spagna e due sulla Sicilia, oggi la "Eco Catania" e la "Eco Livorno", che sarà spostata sulla Spagna e sarà sostituita dalla "Eco Malta". Avremo le prime sei navi "green" impegnate tra Spagna e Sicilia. Ce ne saranno poi altre nell’Adriatico e in Finlandia».

«Dodici navi per un progetto importante - ha aggiunto Eugenio Grimaldi - per economia di scala che permetterà all’utilizzatore finale di risparmiare sui costi e di potere usufruire dei più grandi traghetti al mondo che possono ospitare oltre 520 camion, da imbarcare in una sola volta. E saranno quelli maggiormente avanzati dal punto di vista tecnologico perché hanno "zero emissioni" in porto grazie a un sistema brevettato. Il 2% dell’inquinamento mondiale è marittimo, e noi stiamo lavorando per ridurlo sempre di più. Con queste nave siamo sette volte meno inquinanti di quando abbiamo iniziato a servire la Sicilia. Siamo avanti rispetto al target di Parigi del 2050. "Zero emissioni" in porto - ha spiegato l’executive manager di Grimaldi group - perché saremo completamente "elettrici". E’ un investimento importante. Il progetto è tutto nostro. Una volta che è stato definito è stata fatta una gara per farlo realizzare».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: