Notizie Locali


SEZIONI
Catania 28°

Video dalla rete

La caduta di Jaan Roose sulla fettuccia sospesa a 200 metri sullo Stretto di Messina. Il video spettacolare dell’impresa

Di Redazione |

Lo slikliner estone Jaan Roose ha attraversato a piedi lo Stretto di Messina, camminando su una fettuccia larga poco meno di due centimetri (appena 1,9 cm e tesa per oltre 3,6 km a oltre 200 metri di altezza), ma ha perso l’equilibrio proprio in prossimità dell’arrivo, non completando il percorso e non riuscendo a battere il record mondiale.  Il trentaduenne atleta della Red Bull è partito alle 8.46 di questa mattina da Villa San Giovanni e alle 11.44 ha raggiunto il pilone di Torre Faro, a Messina. E ha camminato sospeso in aria lungo un percorso di oltre 3,5 chilometri, la distanza che separa la costa siciliana da quella calabrese. A circa cento metri dal pilone messinese, però, ha perso l’equilibrio e non è riuscito a infrangere il record mondiale. A quel punto, tra gli applausi d’incoraggiamento dei curiosi e dei bagnanti, ha ripreso la sua camminata e ha raggiunto Messina, ma senza battere il record che si era prefissato. La traversata del tratto di mare tra Sicilia e Calabria rappresentava una sfida sportiva audace per molti motivi, dalla distanza enorme, alle difficili condizioni atmosferiche, fino alle complesse difficoltà ambientali: la slackline è infatti stata tesa tra i piloni dell’ex elettrodotto dello Stretto, con punti a diverse altezze, creando un dislivello che ha richiesto, ancor di più, una precisione assoluta. «Mi sento `jaantastic´, sono super contento, un po’ stanco e provato… ma ragazzi, ho fatto la storia, ho camminato per 3,6 km sullo Stretto di Messina – ha detto Roose -. È stata una lunga camminata, piena di sorprese dall’inizio alla fine, ho avuto qualche difficoltà, ma il tempo è stato buono, mi aspettavo più vento» 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA