Notizie locali
Pubblicità

Video dalla rete

I ragazzi delle scorte: chi erano gli otto agenti di polizia morti insieme a Falcone e Borsellino

Di Redazione
Pubblicità

L’anteprima del film-documentario sulla breve vita dei giovani agenti delle scorte dei giudici Falcone e Borsellino che morirono negli attentati di mafia del 1992.  «Memories-i ragazzi delle scorte» è il documentario diretto da Gabriele Ciances, coprodotto dal Ministero dell’Interno - Dipartimento Pubblica Sicurezza e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di Missione per gli Anniversari Nazionali con 42° Parallelo. 

Una presentazione all’Anica di Roma dove nella sala strapiena, oltre ai famigliari delle vittime (ricevuti anche dal presidente della Repubblica), c'erano fra gli altri il Ministro degli Interni Matteo Piantedosi, il capo della Polizia Lamberto Giannini, il prefetto Franco Gabrielli e l’amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes. Un’immersione in quel trauma collettivo evocato anche dalla teca posta per l’evento fuori dall’Anica con i resti di una delle auto della scorta investita dall’esplosione a Capaci. 

Il docufilm, realizzato nel trentennale delle stragi, sarà presto disponibile su RaiPlay e andrà in onda su Rai1 in seconda serata venerdì 30 dicembre. Si mettono al centro le vite spezzate di Antonio Montinaro, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina, Eddie Walter Cosina ed Emanuela Loi, gli otto poliziotti che facevano parte della scorta di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino, vittime con loro e Francesca Morvillo degli attentati di Capaci e Via D’Amelio. 

Il racconto, scritto da Giorgia Furlan, Alessia Arcolaci e Josella Porto, unisce le immagini d’archivio alle testimonianze di Rosaria Costa Schifani, vedova di Vito Schifani e del vice sovrintendente della polizia di stato Salvatore Lopresti, membro del reparto scorte della Questura di Palermo, che ripercorrono quei giorni di 30 anni fa. 

«Per 27 anni non sono riuscito a ritornare in via D’Amelio - racconta nel film Lopresti - perché mi ritornava sempre addosso quella puzza di polvere mista a tritolo e carne bruciata. Ogni tanto quell'odore ancora riaffiora, ora sono passati 30 anni, io credo nelle istituzioni e spero che prima o poi si possa affermare tutta la verità e che quella verità riesca a far finalmente scomparire quella puzza di tritolo e carne bruciata». 

E’ «un film bellissimo, che restituisce a distanza di 30 anni l'enormità di quegli episodi - commenta a fine proiezione il Ministro degli Interni Piantedosi che torna anche sulle parole di Tina Montinaro e Lopresti -. Noi dovremo superare quell'odore di carne bruciata e polvere da sparo. Dovremo trovare una sintesi tra quella che è la verità giudiziaria, che c'è stata, e quella storica. Ognuno di noi dovrà fare la propria parte».


DA CORRIERETV

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità