Notizie locali

Covid-19

Coronavirus, il gel igienizzante che non "sanificava": maxi sequestro della Gdf a Messina

Di Redazione
Pubblicità

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina hanno sequestrato oltre 6.000 flaconi di igienizzanti, falsamente pubblicizzati come '"sanitizzanti". Sequestrati 800 litri di gel, già confezionati per la vendita in 6.356 flaconi, di capacità compresa tra i 100 e i 1000 ml, non corrispondenti alle caratteristiche "sanitizzanti" pubblicizzate. Segnalati complessivamente alle Procure di Messina, Barcellona Pozzo di Gotto e Patti, per l’ipotesi di reato di “frode in commercio”, dodici responsabili.

L’indagine ha preso spunto da un sequestro effettuato dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria, in una farmacia cittadina, dove sono stati sequestrati 14 flaconi di ''disinfettante” mani da 1000 ml, recanti un’etichetta con dicitura ingannevole, in assenza delle previste autorizzazioni del Ministero della Salute.

"Dall’esame della documentazione contabile acquisita, con l’obiettivo di ricostruire e disarticolare l’intera filiera commerciale non autorizzata, si è risaliti alla società produttrice, sita in provincia di Messina, con un deposito anche in Lombardia", si legge in una nota della Guardia di Finanza.

"La successiva perquisizione all’interno dei magazzini della società consentiva, quindi, di sottoporre a sequestro ulteriori 205 flaconi, nonché di ricostruire la rete di vendita dei clienti che avevano acquistato il medesimo prodotto. I successivi interventi, pertanto, eseguiti dal Gruppo Messina, dalla Compagnia di Milazzo e dalle Tenenze di Barcellona Pozzo di Gotto e Capo d’Orlando, consentivano di sequestrare altri 6.137 flaconi, di diversa capacità, per complessivi 786 litri, presso tre diverse farmacie e cinque esercizi commerciali, situati sia nel capoluogo che in provincia", spiegano le Fiamme gialle. 

Gli igienizzanti sequestrati pubblicizzavano una dichiarata azione “sanitizzante”, "creando nei consumatori una falsa aspettativa nei confronti dello stesso prodotto; infatti, secondo le disposizioni del Ministero della Salute, tutti i prodotti che vantano in etichetta un’azione di disinfezione sono classificabili come prodotti “biocidi” e sono posti in commercio solo dopo aver ottenuto una specifica autorizzazione alla commercializzazione da parte dello stesso Dicastero o della Commissione Europea". Più in particolare, tutti i prodotti “biocidi” commercializzati in Italia devono obbligatoriamente riportare in etichetta queste specifiche diciture, relative alle previste autorizzazioni del Ministero della Salute o dell’Unione Europea, così certificando di essere stati sottoposti ad una preventiva valutazione e garantire sicurezza ed efficacia, nelle condizioni di uso indicate ed autorizzate.
Gli interventi si inseriscono "nel quadro delle ampie misure disposte per il contenimento e il contrasto dei rischi sanitari derivanti dall’attuale pandemia".

Al riguardo, il dispositivo dei controlli messi in campo, in ambito provinciale, dallo scorso 11 marzo ad oggi, ha visto impegnati oltre 1.400 finanzieri, tra il comparto ordinario e quello aeronavale. "In questo delicato momento, secondo intese condivise con le Autorità Giudiziarie dell’intero distretto di Messina, la Guardia di Finanza peloritana ha intensificato, prioritariamente, le attività di contrasto alle condotte più marcatamente illegali e fraudolente, con l’obiettivo di tutelare i consumatori e gli operatori onesti e di contrastare coloro i quali, approfittando dell’attuale situazione emergenziale, pongono in essere pratiche commerciali scorrette - spiegano le Fiamme gialle -Le attività di controllo e sicurezza proseguiranno per tutta la durata dell’emergenza".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità