home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

L'arresto di Totò Riina, il capitano Ultimo ricorda il giorno della cattura 26 anni dopo

Il colonnello Sergio di Caprio, che arrestò il capo dei capi il 15 gennaio 1993, tiene viva la memoria sulla fine del boss del corleonesi

Il colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina, ha ricordato - oggi nella casa famiglia da lui stesso fondata nel quartiere Prenestino di Roma - la cattura del boss dei boss di Cosa nostra, avvenuta il 15 gennaio del 1993. 
«È stato un momento importante - ha detto prosegue - perchè ha segnato la fine del mito di Riina e dei corleonesi ed è importante ricordarlo per mantenere alta la guardia e il monitoraggio di sicurezza a tutela di tutti i cittadini: perchè la lotta non finisce mai e perchè Cosa nostra ha sempre al proprio interno la possibilità di riproporsi e riprodursi, come la storia ci ha chiaramente insegnato negli anni». 

«Sono fiero - ha detto ancora il Capitano Ultimo - di poter condividere questo ricordo con Rita dalla Chiesa, che è un esempio di dignità e di impegno civile per tutti noi e con Vittorio Brumotti (il campione di bike trial - ndr) che dona il suo talento e il suo coraggio per una legalità che è sfida e sogno contro ogni violenza, e con Don Luigi Merola, che ci fa vedere ogni giorno il cammino umile di una chiesa povera al fianco dei poveri». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • daniele sindoni

    15 Gennaio 2019 - 19:07

    Grandi uomini che hanno ricevuto umiliazioni dopo avere reso la propria nazione credibile agli occhi e al cuore dei cittadini.Questa è l'Italia oggi.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP