Notizie locali

Cronaca

Palermo, la mafia nigeriana al mercato di Ballarò: otto arresti

Di Redazione
Pubblicità

PALERMO - Nuovo colpo alla mafia nigeriana a Palermo. La polizia nel corso dell’operazione «Showdown», questa mattina ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di undici persone, otto sono state già arrestate e tre ricercate. Sono accusate di associazione di tipo mafioso, lesioni gravi, sfruttamento della prostituzione e spaccio di stupefacenti, I provvedimenti sono stati emessi dal gip del Tribunale di Palermo, su richiesta del gruppo di magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo coordinati dal procuratore Aaggiunto Salvatore De Luca.

La mafia nigeriana aveva come base il mercato di Ballarò a Palermo. Tra gli arrestati c'è Parkinson Chukwuma, accusato di essere il capo dell’organizzazione. Insieme a lui sono stati bloccati George Oguike Obinna, detto "Okwele», e Frankline Duru, detto «Skorò», che gestiva un locale di ristorazione, nel cuore del quartiere rionale dove gli agenti della squadra mobile, un nigeriano sarebbe stato aggredito da tre membri dell’organizzazione Emeka Don, Evans Ifeanyi Chukwu e Frank Chined. L’uomo era colpevole di non essersi voluto affiliare.

Gli agenti hanno accertato nel corso dell’operazione l’esistenza a Palermo dell’associazione mafiosa «Viking» e anche la presenza di numerose case di prostituzione nel centro storico di Palermo, «connection house» e di stranieri dediti allo spaccio «al dettaglio» sulla piazza del capoluogo di sostanze stupefacenti del tipo «cocaina» ed "eroina"- Già in passato gli agenti della squadra mobile avevano arrestato componenti della mafia nigeriana con le operazioni "Black Axe», «No Fly Zone», «Disconnection Zone» e «Sister White».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità