Notizie locali

Cronaca

Palermo: chiuso allo Zen il bar Chéri, teatro della faida familiare

Di Redazione
Pubblicità

PALERMO - La polizia di Stato ha eseguito un provvedimento, disposto dal questore di Palermo, Leopoldo Laricchia con cui si sospende, per la durata di 30 giorni, l'attività del bar Chéri allo Zen a Palermo. Lo scorso 23 marzo, in via Filippo Patti, c'è stata una vera e propria caccia all’uomo, a colpi di pistola. Decine di colpi sono stati, infatti, indirizzati a tre palermitani, tra loro padre e figli, che soltanto per pura coincidenza sono riusciti a sfuggire all’agguato.

Le indagini dei poliziotti hanno consentito di ricostruire, non soltanto, l’identità della maggioranza di coloro che formavano il commando che ha fatto fuoco su padre e figlio, che ha portato al fermo per sei di loro. E’ stato accertato che l’escalation di violenza, che si è conclusa con il tentato omicidio in strada, si sia snodata in più fasi e che tutte le tappe abbiano avuto sullo sfondo, quale punto di ritrovo per gli incontri tra i coinvolti, fossero essi chiarificatori o risolutori, secondo l’accusa, proprio il bar «Cherì».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità