Notizie locali

Cronaca

25 aprile: a Catania un presidio tra antifascismo, pandemia e crisi economica

Di Redazione
Pubblicità

Csp "Graziella Giuffrida", Asia Usb Catania, Fronte Militante per la Ricostruzione del Partito Comunista, Potere al Popolo Catania, Pci, Comunità Resistente Piazzetta-Cpo ColaPesce, Fronte della Gioventù Comunista e Red Militant, in occasione del 25 aprile sono stati protagonisti questa mattina di un presidio davanti all'ingresso dell’ex ospedale Vittorio Emanuele. Hanno aderito il Pcl, Il Pmli e Rifondazione Comunista.

Di seguito uno stralcio del documento degli organizzatori: “Il 25 aprile del 1945 i partigiani liberarono l’Italia dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista. In un paese devastato dal fascismo, le partigiane e i partigiani lottarono consapevoli della necessità di distruggere il sistema economico capitalista e costruire una società nuova, libera da ogni sfruttamento. Ancora oggi questa necessità​ ​ è all’ordine del giorno. Viviamo in un paese in ginocchio per la crisi economica, conseguenza diretta del sistema economico in cui viviamo e moriamo. Lo stesso sistema non riesce tuttora a fronteggiare la pandemia. I continui tagli alla sanità pubblica hanno mostrato quanto è inadeguato questo sistema economico, che per garantire i profitti di pochi ha messo a repentaglio la vita di molti. La sanità pubblica è al collasso e non riesce a rispondere efficacemente alla crisi pandemica, ma lo Stato - anziché occuparsene - preferisce colpire le classi popolari”.

[video di Orietta Scardino]

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità