Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

il caso

Ecco come “vendeva” i passaporti davanti la Questura di Catania (video)

Il giovane catanese, filmato dai poliziotti della Pasi, è finito ai domiciliari

Di Redazione |

La Polizia ha arrestato un giovane catanese, per truffa e traffico di influenze illecite, perpetrato ai danni degli utenti dell’Ufficio passaporti della Questura di Catania. In particolare la squadra amministrativa, al termine di una complesso servizio di osservazione e controllo, ha notato il giovane mimetizzarsi tra le fila di utenti in attesa di accedere allo sportello, per avvicinare e adescare coloro che ingenuamente si affidavano a lui per ottenere un passaporto in tempi brevi.

La prassi adoperata dal truffatore era quella di millantare conoscenze presso l’Ufficio della Questura, spiegare che grazie ai propri servigi l’utente non avrebbe dovuto fare altro che versare la somma di circa 150 euro a lui e che nel giorno e nell’ora fissati, avrebbe ottenuto l’ambito documento di viaggio.

Il reato si disvelava agli occhi del cliente sprovveduto, solo quando il truffatore, faceva perdere le proprie tracce bloccando l’utenza telefonica inizialmente fornita per concordare appuntamento e dazione di denaro. La complessa attività di Polizia Giudiziaria ha preso il via dalle prime denunce prodotte dagli utenti dell’Ufficio in argomento, che hanno raccontato ai poliziotti di essersi imbattuti in un interlocutore convincente e dall’atteggiamento affidabile e professionale, salvo poi rendersi conto di essere stati del tutto raggirati e artificiosamente indotti a versare il denaro.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: