Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Economia

«Il Ponte non è un capriccio, il Sud non è una zavorra», Musumeci insiste con Carfagna

Di Redazione
Pubblicità

«Il Ponte non è un capriccio, noi non siamo una zavorra». Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci nel corso della conferenza sui temi del Mezzogiorno organizzata dal ministro per il Sud, Mara Carfagna. 

«Se vogliamo recuperare il Mezzogiorno, a Roma e a Bruxelles devono convincersi che la questione è nazionale ed europea - ha aggiunto -. Serve urgentemente un Tavolo sul futuro del Sud, e noi siamo pronti a farne parte per affrontare urgentemente questi temi, compresa la destinazione dei fondi del Recovery Plan dei quali non abbiamo notizia perché pare sia stato tutto deciso nei palazzi romani. E non è certo questa la soluzione».   

«Smettiamola - ha aggiunto il Governatore siciliano - con il luogo comune della problematica sulla legalità nel Sud. Andava bene dieci o venti anni fa. Oggi il fattore criminalità, che c'è ed è presente, non può essere più considerato una diseconomia se paragonato alla paurosa carenza di infrastrutture e alle procedure burocratiche che da Bruxelles, e a Roma, non sembrano concepite per accelerare la spesa pubblica ma quasi per frenarla. Come si può parlare di alta velocità se bisogna far fermare i treni veloci a Reggio Calabria, fare scendere i passeggeri e farli salire su un traghetto? Ancora si discute su "ponte sì o ponte no": il ponte per i siciliani e per i calabresi è forse un capriccio? O, invece, una necessità fin troppo evidente? In altre parti del mondo - ha continuato Musumeci - un ponte si fa in due anni e qui, invece, se ne parla da cento. Per realizzare un'opera pubblica in Sicilia sono necessari 5,2 anni, quando ne basterebbero uno o due. Perciò serve una sburocratizzazione delle procedure: il Ponte Morandi di Genova diventi un metodo da esportare nelle Regioni del Sud. Dateci gli strumenti, diteci qual è la prospettiva euromediterranea della Sicilia, o se dobbiamo continuare solo a salutare le navi che passano da Suez senza fermarsi nei nostri porti. Non è possibile - ha concluso il Governatore - che i siciliani debbano pagare 600 o 700 euro il biglietto aereo per recarsi a Milano. Il Sud non vuole, e non può più, essere considerato una zavorra».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità