home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Cefalù, sequestrata la terrazza sul mare abusiva

La Polizia e la Guardia Costiera di Cefalù, hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Termini Imerese, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti della veranda, cosiddetta "terrazza al mare» del locale «Kentia al trappitu», ristorante sulla scogliera prospiciente la via Carlo Ortolani di Bordonaro, nel centro storico di Cefalù. Il provvedimento scaturisce da un’indagine avviata nel 2017 dal Commissariato di Cefalù.

I precedenti soci della società di ristorazione che aveva in uso il ristorante e gli attuali gestori del locale avrebbero mantenuto l’imponente struttura sulla scogliera malgrado la relativa Concessione Demaniale Marittima, rilasciata dall’Assessorato Territorio e Ambiente nel 2006 e scaduta nel 2011, non fosse stata più rinnovata e, soprattutto, fosse stato comunicato agli interessati il definitivo diniego al rinnovo. Nell’ottobre dello scorso anno, infatti, a seguito di tale diniego, i gestori del locale sarebbero stati invitati a procedere allo sgombero dell’area ed al suo ripristino, ma non avrebbero ottemperato. Adesso il sequestro preventivo disposto dal Gip di Termini Imerese che ha interessato una veranda che occupa ininterrottamente dal 2006 una superficie demaniale marittima di circa 65 metri quadri a Cefalù, in località «Dietro Mura», luogo sottoposto a speciale protezione paesaggistico-ambientale da parte delle Autorità Regionali e Nazionali e considerato Sito di Interesse Comunitario. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa