Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Gallery

Le tappe del presidente cinese a Palazzo dei Normanni

Di Redazione
Pubblicità

Xi Jinping e consorte passeranno la notte a Villa Igiea prima di partire domani mattina per Nizza. Poco si sa delle prossime ore della loro permanenza in Sicilia, la cena dovrebbe essere strettamente privata e a base di piatti siciliani e probabilmente servita direttamente nella suite presidenziale che è stata occupata dalla coppia presidenziale insieme ad altre 80 camere (su 100) dell’hotel per parte della delegazione. 

"Certo, rimane la possibilità della Sicilia di avere un ruolo nella via della Seta, rimane il memorandum, ma di tutto questo non abbiamo parlato col Presidente XI perchè il cerimoniale era molto rigoroso", ha aggiunto Musumeci, secondo cui "intercettare la via della seta", "significa avere infrastrutture. Agli appuntamenti si arriva puntuali, preparandosi". Per questo, ha aggiunto il governatore "dobbiamo subito sederci attorno a un tavolo col governo nazionale e capire cosa vogliamo fare della Sicilia nella Via della seta e organizzarci per individuare le priorità e investire su quelle". Il sindaco Leoluca Orlando ha ricordato che Palermo ha instaurato già dagli anni 90, durante la sua prima sindacatura, "rapporti bilaterali diretti con diverse realtà cinesi". Dal 1999 è gemellata con Chengdu, capoluogo della provincia del Sichuan e città sub-provinciale, di circa 14 milioni di abitanti (la quarta città della Cina). Della stessa città, Orlando è cittadino onorario. "Con quella amministrazione", ha spiegato il primo cittadino, "si sono avviati scambi culturali che hanno coinvolto studenti e ricercatori universitari, soprattutto in materie umanistiche e legate allo studio delle lingue. Recentemente anche l'Università di Palermo ha siglato un accordo con l’Università della città cinese, per una cooperazione in materie economiche e giuridiche legate al commercio internazionale".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti:
Pubblicità