Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Gallery

“Catania Summer Fest, cultura e turismo protagonisti della nostra estate”: 150 eventi in 80 giorni

Di Redazione
Pubblicità

“Catania Summer Fest, cultura e turismo protagonisti della nostra estate”: con 150 eventi in 80 giorni, fino al 4 ottobre, la “lunga estate” catanese organizzata in tempi record dall'amministrazione comunale è stata presentata stamattina in Sala Consiglio a Palazzo degli Elefanti. “Musica, teatro, letteratura, cabaret, ci sono tutti gli elementi per determinare anche flussi turistici aggiuntivi – ha commentato orgoglioso il sindaco Salvo Pogliese – Sono state coinvolte splendide location della nostra città, Villa Bellini, Castello Ursino, Palazzo della Cultura e l'Anfiteatro delle Ciminiere, tutto finanziato con l'introito della tassa di soggiorno, per non gravare sulle tasche dei nostri concittadini. Stiamo dando un segnale importante sia al mondo della cultura e dell'arte, fortemente penalizzato dall'emergenza sanitaria, ma anche al mondo del turismo, delle attività ricettive e della ristorazione. È stato fatto un lavoro enorme, grazie alla tenacia e alla caparbietà dell'assessore Barbara Mirabella e di tutto lo staff dell'assessorato alla Cultura”.
“Catania – ha sottolineato il sindaco – si afferma a livello regionale, ma anche nazionale, tra le primissime città in Italia che è ripartita. Ricordo ai siciliani e a tutti gli altri che il Comune di Catania è in dissesto, non è mai accaduto che un ente in dissesto organizzasse tutti gli eventi che oggi abbiamo presentato alla stampa. Lo abbiamo fatto ventre a terra, lottando in maniera strenua anche contro le difficoltà economiche, finanziarie e amministrative determinate dal dissesto, senza incidere di un euro sulle tasche del Comune, e quindi dei cittadini. Ricordo che l’introito della tassa di soggiorno negli ultimi due anni è stato triplicato, passando da 900 mila euro a 2,5 milioni di euro. Abbiamo inoltre scelto di dotare la nostra città di alcune strutture permanenti, e mi riferisco a un grande palco, sedie e stand che abbiamo acquistato, senza dover dilapidare centinaia di migliaia di euro soltanto per i noleggi per pochi eventi”.
“È un anno difficilissimo per la cultura e lo spettacolo – ha precisato Barbara Mirabella, assessore Cultura e Grandi eventi – che non si è ancora completato. Ma la città non poteva non riaprirsi per il bisogno dei cittadini, dei turisti, ma soprattutto dei professionisti dello spettacolo di ritornare sul palcoscenico e riaccendere quel pathos unico che solo la rappresentazione dal vivo può dare. Passiamo dalla letteratura a tutti i generi di musica, a molta rappresentazione in scena con moltissime compagnie che riporteranno l'arte del racconto sul palcoscenico in quattro location davvero prestigiose: la Corte di Mariella Lo Giudice a Palazzo della Cultura, il Castello Ursino, la Villa Bellini e, in collaborazione con la Città metropolitana anche l'anfiteatro delle Ciminiere. Ma coinvolgeremo corti e vie, ci saranno tanti personaggi, penso a Massimo Ranieri, a Elodie e tanti artisti che faranno grande quest'estate. Si inizierà con il Teatro Massimo Bellini, che dopo 25 anni torna finalmente alla Villa Bellini. Penso davvero che quest'anno ci sia un posto in prima fila per tornare a riappropriarsi dell'arte, della musica e dello spettacolo”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità