Notizie locali

Gallery

La Sicilia punta all'autosufficienza energetica entro il 2030

Di Redazione
Pubblicità

"Il contenitore ambiente credo sia il presupposto perché si possa guardare al futuro con un pizzico di ottimismo. In questi due anni abbiamo fatto passi da gigante nell’impiego di risorse comunitarie e non solo sul fronte dell’energia. L’energia pulita è progresso, ecco perché tutti abbiamo il dovere di dialogare, a esempio, con Enel e Terna, e con tutte le grandi aziende che lavorano su questo fronte, tenendo fuori le finte imprese e quelle che agiscono per conto di organizzazioni criminali o malavitose. L’esperienza ci dimostra, infatti, come nell’eolico la mafia abbia fatto affari".

A dirlo è stato il governatore siciliano, Nello Musumeci, al centro fieristico Le ciminiere di Catania a margine delle 'Giornate dell’Energia 2020'.  Una serie d’incontri, tavole rotonde e dibattiti, organizzati dall’assessorato regionale dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità della Regione siciliana, nel corso dei quali si è discusso del futuro sempre più sostenibile dell’Isola. "Oggi abbiamo ribadito questo impegno tra pubblico e privato - ha concluso il governatore -. Vogliamo spendere sino all’ultimo centesimo che Bruxelles metta a disposizione della Sicilia perché diventi denaro produttivo, investito per creare ulteriore ricchezza".

Tra gli obiettivi annunciati l'autosufficienza energetica entro il 2030, due terzi grazie alle rinnovabili e un terzo grazie al metano, il più pulito tra gli idrocarburi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità