home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Canti, premi, cortei e musica: il video della giornata in ricordo di Pippo Fava

Calabrese “trapiantato” da 17 anni in Emilia, cronista sotto scorta de “L'Espresso”, Giovanni Tizian ha ricevuto quest'anno il premio giornalistico Giuseppe Fava. «Un premio che mi onora particolarmente, perché Pippo Fava era un uomo del Sud come lo sono io e perché mi sento molto vicino alla storia sua e della sua famiglia», dice Tizian, il cui padre fu assassinato dalle 'ndrine calabresi quando aveva sette anni. Il premio arriva dopo le inchieste sulla penetrazione della 'Ndrangheta in territori insospettabili come quelli di Reggio Emilia e del Modenese.

 
Il riconoscimento è stato consegnato a Tizian ieri sera, nel corso delle iniziative di commemorazione del giornalista catanese ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984: nel pomeriggio il corteo che da piazza Roma è arrivato sino alla lapide sul luogo dell'assassinio, il presidio e la donazione di un violino all’orchestra “Musica insieme Librino” e di un violino all’orchestra “Alkantara” della Civita da parte della Fondazione Fava e del Comune. Poi al Verga il recital degli allievi della scuola di recitazione dello Stabile basato sulla lezione sulla mafia che Fava fece nel 1983 agli studenti della “sua” Palazzolo Acreide e il dibattito “La città (im)possibile” con Attilio Bolzoni, Claudio Fava, Miki Gambino pungolati dalle domande di Adriana Laudani. In serata al Gapa, altro momento dedicato a Fava, con lo spettacolo “Un semplice fatto di cronaca”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP