Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

LA CATTURA

La polizia di Catania intercetta a Belpasso tre uomini pronti a fare una rapina: le concitate fasi dell’arresto (video)

La banda era armata di pistole, fermata all'ingresso di un’azienda di logistica e trasporti, presa di mira nei giorni prima di Natale

Di Redazione |

Sono stati beccati pochi minuti prima di entrare in azione per una rapina a Belpasso in un’azienda di logistica e trasporti per compiere una rapina. In auto avevano armi, fascette di plastica e scotch per immobilizzare i dipendenti e compiere il colpo. Ma come detto sono stati intercettati dagli agenti della squadra mobile di Catania che hanno anche diffuso un video (ripreso dalle telecamere di videosorveglianza della ditta presa di mira) con le fasi concitate dell'arresto.

La sera del 22 dicembre scorso sono così finiti in manette tre pregiudicati,  C.M. (cl. 1974), I.A. (cl. 1977) e G.D. (cl. 1973),  colti – in concorso tra loro – nella flagranza dei reati di tentata rapina aggravata, porto e detenzione illegale di armi comuni da sparo e ricettazione. Sono stati catturati da personale della Sezione Reati contro il Patrimonio e la P.A. – Squadra Antirapina della Squadra Mobile a bordo di un veicolo rubato. I tre erano vestiti con abiti scuri e il volto coperto da cappelli di lana e scalda-collo proprio davanti il cancello d’ingresso dell'azienda finita nel mirino che aveva deciso di assaltare pochi giorni prima del Natale.

Le fasi dell'arresto sono state delicate perché i tre erano armati. Il conducente del veicolo, G. D.,  aveva una pistola semiautomatica calibro 6.35 con  4 cartucce; C.M., passeggero anteriore, era armato di di un revolver calibro 38 con cartucce e  I.A., passeggero posteriore, di un taglierino. Peraltro, all’interno della macchina, i tre fermati avevano come detto fascette in plastica e scotch, materiale con il quale avrebbero dovuto immobilizzare i dipendenti della ditta, durante la rapina.

Le successive perquisizioni nelle abitazioni dei tre autori del reato portava al rinvenimento e sequestro, nel domicilio di C.M., ad Aci Catena, anche di un fucile automatico da caccia, con relative munizioni, risultato rubato.

Dopo le formalità di rito, i tre sono stati rinchiusi nel carcere di piazza Lanza a Catania, a  disposizione dell’autorità giudiziaria che il 26 dicembre scorso ha convalidato l’arresto.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: