home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il video

"Valigie di cartone" dei Fuoricentro, quando la Sicilia è terra di emigrazione

Nuovo singolo per la band milanese capitanata dal messinese Maurizio Camuti che ha voluto puntare l'indice contro l'immobilismo che non permette all'Isola di sfruttare per bene le sue potenzialità

«È una canzone che in fondo vuole denunciare un destino comune a molti, ovvero a tutti coloro che hanno deciso di non adeguarsi al sistema e che, di fatto, hanno come unica alternativa il biglietto del treno o di un aereo». Con questa premessa il cantante messinese Maurizio Camuti spiega l'intento del nuovo singolo dei suoi Fuoricentro, band nata a Milano, città d'adozione del musicista siciliano. Il videoclip è stato girato in Sicilia vanta un cast di attori siciliano che sono Gabriella Cacia, Lelio Naccari e Raffaella Schepisi e ha come protagonista Gian Luca Camuti, fratello di Maurizio

"Valigie di cartone" è il nuovo singolo dei Fuoricentro, la band milanese capitanata dal musicista siciliano Maurizio Camuti, originario del Messinese. Una bella ballata pop dal testo autobiografico: racconta infatti la storia del cantante Maurizio Camuti, che anni fa ha lasciato la Sicilia per cercare nuove opportunità a Milano, città che l'ha accolto e in cui ha avuto modo di realizzarsi. Una canzone in cui in molti si possono ritrovare e che vuole rappresentare anche una buona occasione per toccare il tema della disoccupazione che, soprattutto al Sud, è un problema molto sentito. La Sicilia è poi una terra, come dice il testo, “gialla e un po' amara”: alla sua bellezza, infatti, si contrappone la delusione per le troppe cose che continuano a non andare. Argomenti, quelli che riguardano il lavoro, che stanno molto a cuore a Maurizio Camuti che, oltre ad essere un artista, è anche sindacalista.

Valigie di cartone Fuoricentro

«È una canzone che in fondo vuole denunciare un destino comune a molti, ovvero a tutti coloro che hanno deciso di non adeguarsi al sistema e che, di fatto, hanno come unica alternativa il biglietto del treno o di un aereo - spiega il cantante -. Ogni volta che torno in Sicilia resto folgorato dalla bellezza della mia terra e dal suo potenziale, ma ho come l'impressione che nessuno voglia sfruttarle, onde evitare di rompere equilibri oramai insostenibili e utili solo a pochissimi. Per farlo servirebbe maggior coraggio, una presenza maggiore delle istituzioni e una politica più incisiva e libera evitando di continuare a sostenere degli "insostenibili", qualsiasi corrente essi appartengano». E aggiunge: «Vorrei che qualcuno riuscisse a rompere questo vascello di vetro per far entrare aria nuova e pulita. Per evitare che la gente debba continuare a partire con le sue valigie di cartone, come accadeva più di cento anni fa».

“Valigie di cartone” è anche un videoclip girato in Sicilia, a Ficarra nel Messinese, da professionisti siciliani e che può vantare un cast di attori interamente siciliano che sono Gabriella Cacia, Lelio Naccari e Raffaella Schepisi e ha come protagonista Gian Luca Camuti, fratello di Maurizio, con un passato e presente da attivista politico che si è prestato volentieri per il video visto il contenuto e significato della canzone.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa