home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Dissesto Catania, tributi in bolletta: la ricetta di Pogliese per salvare casse Comune

La sala consiliare di Palazzo degli Elefanti gremita in tutte le sue postazioni per ascoltare il sindaco e gli esponenti della giunta in un incontro-confronto sulla difficile condizione economica in cui versa l'Ente. I sindacati: «Sforzo per cercare di "non spegnere la luce"»

Catania - Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti affollata in ogni ordine di posto. E non poteva essere altrimenti. L'attesa prima dell'intervento del Sindaco è carica di tensione. Sugli scranni le sigle sindacali e imprenditoriali al gran completo. Il “no” della Corte dei Conti pesa come un macigno e quando il primo cittadino di Catania prende la parola il silenzio è assoluto.

“Catania ha eccezionali potenzialità con il territorio che sta attraversando una fase di interessamento turistico e imprenditoriale eccezionale. Dobbiamo essere all'altezza anche da un punto di vista burocratico-amministrativo. Abbiamo una situazione economica-finanziaria disastrosa ma ci rialzeremo e ci batteremo per non perdere nemmeno un posto di lavoro in questa città. Le forze imprenditoriali, sociali e sindacali devono essere al nostro fianco”. Sulla cabina di regia da più parti richiesta i commenti sono unanimi. Enza Meli, segretaria generale Uil Catania, ha ribadito come “Noi non cerchiamo assistenza, né elemosine ma pari opportunità perché è innegabile che per infrastrutture e occasioni di lavoro siamo stati lasciati indietro rispetto ad altre parti del Paese. Promesse non mantenute e possibilità negate: ieri come oggi! Nessuno-continua-, lontano da qui, pensi che si può spegnere la luce vitale di questa città. Lo diciamo forte e chiaro: nessuno spenga la luce”.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Luca Sangiorgio, consigliere comunale e capogruppo di “Salvo Pogliese Sindaco” che ribadisce come “Il Sindaco e l'intera maggioranza ha fatto letteralmente i salti mortali per evitare tutto questo. La città ed i suoi abitanti pagano le scelte discutibili della precedente amministrazione. Oggi i nodi vengono al pettine e tutti noi dobbiamo lavorare in sinergia per fare in modo che Catania rinasca più forte di prima”.

Video di Davide Anastasi

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 5
  • GABBIANO

    GABBIANO

    09 Novembre 2018 - 19:07

    PRIMA SI DA IL BENESTARE DI FARE CIO' CHE VOGLIANO A QUESTI AMMINISTRATORI ( PER ESEMPIO RUBARE ) POI SONO SEMPRE I CITTADINI ONESTI A PAGARE COME SEMPRE

    Rispondi

  • Rosario

    09 Novembre 2018 - 21:09

    Imparate a far rispettare le regole, fate pagare ai proprietari di case abusive che non vengono abbattute, se non sapete quali sono chiedete all Enel...

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa