Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Salute

Coronavirus sbarca in Europa: tre casi in Francia

Di Redazione
Pubblicità

Oltre 40 i casi mortali finora registrati della malattia che allarma il mondo. Già diverse centinaia gli infetti in Cina. 

Sono stati forniti alcuni dati come il fatto che la persona infetta a Bordeaux fosse effettivamente passata dalla città di Wuhan. Malgrado le assicurazioni però, sembbra mancare una coordinazione globale e ogni paese cerca di ffar fronte al rischio in modo diverso. In Italia o Germania ad esempio, alle persone provenienti da certe località viene misurata la temperatura per cercare di prevenire i rischi di contaminazione.

Anche le affermazioni della ministra della salute francese non lasciano spazio a dubbi: "Faremo tutto il possibile per contenere l'epidemia, ma sappiamo che è possibile, amzi probabile che ci saranno altri casi in Europa. Per il semplice fatto che non siano stati registrati non vuol dire che non esistano".

Intanto Wuhan, primo focolaio della malattia, è diventata un luogo-fantasma. Una città di oltre dieci milioni di abitanti sembra essersi spopolata anche se la gente cerca di vivere in modo normale.

Dice una donna: "Non ho paura Cercherò di non uscire per qualche giorno, ma visto che la città è in quarantena ritengo che sia qualcosa di serio".

 
Un uomo aggiunge: "Dobbiamo cercare di vivere normalmente e trovare cibo".

Quello che inquieta è il fatto che, malgrado il relativamente basso numero di contaminati, la Cina abbia deciso di mettere in quarantena oltre cinquanta milioni di abitanti e costruire, in appena dieci giorni, un ospedale con migliaia di posti letto per arginare l'epidemia. D'altro canto il fatto che la malattia non venga ancora qualificata come pandemia è però un fatto positivo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità