Notizie locali
[type=TEXT, value=]

Video dalla rete

Autostrade da incubo il 4 e il 5 agosto: sciopero a singhiozzo dei casellanti, si potrà passare solo con le carte prepagate

Di Redazione
Pubblicità

Si profila un esodo da incubo per gli automobilisti italiani che partiranno per le vacanze il prossimo weekend. I sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Trasporti impegnati nella trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro dei personale delle autostrade e dei trafori hanno infatti proclamato 4 ore di sciopero a singhiozzo «i prossimi 4 e 5 agosto». In particolare sciopereranno i casellanti che non rientrano nelle categorie di lavoratori soggetti alla 146 e alla tregua estiva degli scioperi in concomitanza dell’esodo di agosto perché il loro non è ritenuto dalle società concessionarie «lavoro essenziale». Mentre lavoreranno gli addetti alle sale operative, gli addetti agli impianti e gli addetti al «pronto intervento» del soccorso stradale.

A determinare la decisione assunta - fanno sapere i sindacati - «la fase critica che sta attraversando la trattativa» con le società concessionarie autostradali rappresentate da Acap-Fise e Federreti (di cui fa parte Autostrade per l’Italia). Secondo i sindacati «Non sono stati ancora sciolti alcuni nodi della parte normativa del contratto», ma soprattutto «le anticipazioni sulla parte economica che verrà affrontata nei prossimi incontri del 30 e del 31 luglio non sono soddisfacenti».

Nel dettaglio i turni di sciopero saranno: «Dalle 10 alle 14, dalle 18 alle 22 di domenica 4 e dalle 22 di domenica 4 alle 2 di lunedì 5». Si fermeranno gli addetti ai caselli e i turnisti non sottoposti alla 146 cioè quelli che non sono precettabili. Stop quindi «al personale impiegato con turni sfalsati e spezzati nelle ultime 4 ore della prestazione mentre il personale tecnico e amministrativo si fermerà le prime 4 ore del proprio turno di lunedì 5 agosto». «Dallo sciopero resta escluso tutto il personale sottoposto alla legge sullo sciopero ed alla regolamentazione provvisoria del settore», spiegano i sindacati. In concreto ai caselli - già in sofferenza per le giornate da bollino rosso - si potrà passare solo con le carte prepagate. La giornata di domenica è una giornata prevista a bollino rosso anche per le temperature che torneranno sopra i trenta gradi. L’annuncio dello sciopero potrebbe anche aggravare la situazione nei giorni di venerdì e di sabato (sabato è già bollino nero) perché in molti potrebbero decidere di anticipare la partenza.

Il video che vi proponiamo è stato pubblicato su YouTube da Different Problem

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità